Rubriche | venerdì 17 novembre 2017 20:35
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Rubriche | domenica 03 settembre 2017, 22:45

ATTIVITA’ FISICA E BIODISPONIBILITA’ DEI NUTRIENTI … sfatiamo alcuni miti!

Quando si parla di alimentazione nello sportivo si incontra una ricca collezione di leggende metropolitane e indicazioni veramente bizzarre, vediamone alcune.

VERO O FALSO?

  1. Non è vero che quando si fa attività fisica intensa si può mangiare “quanto si vuole”. A seconda del tipo di attività si possono aumentare le calorie giornaliere da 15% al 30% circa, lasciando invariato, in generale, l’equilibrio tra i macronutrienti.

  2. Non è vero che bisogna bere solamente prima e dopo l’attività. Si deve bere anche durante l’attività stessa, specialmente se in un ambiente climaticamente sfavorevole. Ricordiamoci di rispettare la regola di circa 200-250 ml di acqua ogni 15 minuti per consentire un corretto svuotamento dello stomaco.

  3. Non è vero che fare attività fisica e sportiva fa venire appetito. Dopo una seduta di allenamento intenso, molte volte compare addirittura un lieve senso di nausea. Fare attività migliora il metabolismo, migliora la risposta circolatoria, brucia più calorie, ma non incide minimamente sull’appetito.

In realtà lo sportivo, o comunque chi fa attività fisica ai vari livelli, è una persona “idonea”,definita tale da una visita medica, che mangia le stesse cose di un sedentario, la differenza è “quanto” e “quando”.

Il “quanto” è riferito ovviamente al bilancio energetico. Il “quando” è legato alle sedute di allenamento o di gara, come vedremo più avanti.

RICORDATE

  • La digestione inizia con la masticazione: mastica con cura gli alimenti per favorire “l’amilasi salivare” che consente la prima digestione degli amidi contenuti negli zuccheri complessi.

  • La digestione continua a livello dello stomaco e del duodeno dove l’intervento di enzimi digestivi e della bile favoriranno l’assorbimento di tutti i nutrienti.


QUANTO TEMPO PER LA DIGESTIONE?

Occorrono circa 60 minuti per i carboidrati, 90-120 per le proteine, 3 ore per i grassi. Dato che noi ci alimentiamo di tutti questi nutrienti è meglio attenersi al tempo massimo in quanto’attività fisica va condotta dopo che i nutrienti stessi siano diventati disponibili all’utilizzo energetico.

Buon allenamento a tutti

D.ssa Stefania Acquaro

Dott.ssa Stefania Acquaro

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore