Serie D | mercoledì 18 ottobre 2017 22:33
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Serie D | giovedì 12 ottobre 2017, 19:29

Nicola Pozzi sceglie la D con la maglia del San Donato Tavarnelle

“Pronto a scendere in campo con tanta voglia di divertirmi”

Il San Donato Tavarnelle si assicura le prestazioni dell’attaccante dal passato in A e in B   E’ uno di quei colpi che è destinato a restare nella storia della società e che rappresenta la ciliegina sulla torta per i colori gialloblu del San Donato Tavarnelle. Nicola Pozzi, classe 86’, centravanti con palcoscenici importanti dalla serie A alla serie B, è un nuovo tesserato della società del presidente Andrea Bacci.

Acquisto di grande impatto per tutta la squadra di mister Simone Marmorini che molto presto potrà contare sul gioiellino che guardando anche solo i primi numeri ha realizzato 55 reti con le maglie di Sampdoria ed Empoli in 192 presenze.

“Sto bene, non ho avuto nessun infortunio, questa estate non ho forzato, adesso sto cercando la condizione migliore con una sorta di mini – ritiro di 3 settimane. Presto sarò al top della forma per lottare assieme ai miei compagni”. Sono le prime parole che Nicola Pozzi rilascia ai canali ufficiali della società che ha già visto dalla tribuna contro Scandicci, Montecatini e Real Forte Querceta. Lui si è già calato in questa realtà, che lui stesso vede come familiare.

La comunità di Tavarnelle val di Pesa sportiva e non, lo ha riconosciuto, come centravanti che in passato ha gonfiato le reti e siglato perle che hanno costellato la sua carriera: “Sentivo la necessità di riavvicinarmi a casa, anche se avevo avuto tante richieste dalla C, soprattutto dal Meridione. Mi sono allenato 10 giorni con questa realtà e dopo averla conosciuta a fondo posso dire di aver trovato persone serie che mi hanno trasmesso grande entusiasmo e voglia di continuare. Il calcio è sempre stata la mia passione così come la mia voglia di divertirmi con un pallone fra i piedi, credo di poter dare tanto a questa società che ha creduto in me, dalla dirigenza fino agli stessi giocatori”. L’intervista nel cuore del paese, a due passi da piazza Matteotti, molte strette di mano, saluti, sono tanti gli sportivi che sono pronti a vederlo sul campo, con i suoi colpi e numeri. In allenamento ha già stregato i compagni di squadra con giocate che vengono da un’altra categoria, elettrizzando già un ambiente pronto a vederlo sul rettangolo di gioco. In un paese come Tavarnelle val di Pesa si sente ancora forte il peso dei campanilismi e del calcio di paese. Un clima magari, così caloroso e vivace, che potrà dare molta forza per il proseguo della stagione dei gialloblù. Un campione che può elettrizzare un ambiente in cerca di una striscia positiva per decollare. Un campionato per lui tutto da scoprire, così come sarà al tempo stesso affascinante per l'attaccante tornare in Liguria dove ha lasciato ricordi fra i più belli della sua carriere, come lui stesso ha ricordato. Un salto anche in serie A con uno sguardo alla Sampdoria di Marco Giampaolo e all’Empoli di Massimo Vivarini:

“I blucerchiati hanno fatto cessioni importanti ma stanno proseguendo con puntualità il progetto tecnico con principi di gioco importanti. La squadra si sta comportando bene e crescerà ancora”. Un’altra piazza dove Nicola Pozzi ha lasciato ricordi indelebili è quella di Empoli, dove, a distanza di anni, è ricordato con piacere e stimato: “Hanno cambiato tanto ma si sono resi protagonisti di acquisti importanti come Caputo. Con Vivarini hanno imbastito un’altra organizzazione di gioco e adesso sono in vetta al campionato, dove ci sono tante insidie, ma questa realtà ha tutte le carte per vincere il campionato”.

C'è spazio per Pozzi in futuro in qualche categoria di maggiore prestigio? Lui non si sbilancia, aspetta con ansia il momento di indossare gli scarpini e tornare a segnare. Ciò che gli riesce meglio, quello che lo fa star bene e per il quale c'è un paese intero che è pronto a gridare il suo nome.

La scheda di Nicola Pozzi

Cresciuto nelle giovanili di Santarcangelo prima e Cesena poi ha esordito tra i professionisti proprio con i romagnoli bianconeri totalizzando 4 reti in 19 presenze. Ecco poi il passaggio al Milan e a seguire un lungo girovagare dove, oltre alle esperienze in blucerchiato e azzurro, si ricordano quelle con Napoli, Pescara, Siena, Parma e Vincenza. Nell'ultima stagione ha vestito la maglia della Pro Piacenza con 6 presenze e 2 reti all'attivo. In totale, in una carriera fra i professionisti dove ha collezionato 258 presenze e 72 reti all'attivo. Ha vestito anche le maglie delle nazionali giovanili italiane dall'Under 17 all'Under 21 con 20 presenze e 6 reti complessive in azzurro

PDP

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

mercoledì 18 ottobre
martedì 17 ottobre
lunedì 16 ottobre
domenica 15 ottobre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore