lunedì 25 giugno 2018 02:29
Visualizza la versione standard ›

Calcio amatoriale | venerdì 13 ottobre 2017, 15:30

La Resistente ha compiuto l’anno scorso 10 anni

10 anni di calcio popolare, 10 anni di aggregazione, 10 anni di lotta al razzismo attraverso lo sport.

COMUNICATO

La Resistente ha compiuto l’anno scorso 10 anni, 10 anni di calcio popolare, 10 anni di aggregazione, 10 anni di lotta al razzismo attraverso lo sport. Dopo questi 10 anni che ci hanno visto partecipare ai campionati amatoriali a 7 organizzati dall’Endas e dalla Uisp, ad un progetto di calcio popolare che ha coinvolto quasi 200 migranti richiedenti asilo ospitati in varie strutture del capoluogo ligure e, sempre più spesso, a tornei antirazzisti in giro per l’Italia, siamo pronti a fare il grande salto.. Da quest’anno infatti abbiamo deciso di raddoppiare: oltre al campionato Uisp a 7, ci iscriveremo anche al campionato a 11, sempre della Uisp. Per farlo avevamo bisogno di allargare la rosa e per questo, oltre a nuovi compagni genovesi, con noi giocheranno anche diversi migranti, tutti giovanissimi e tutti entusiasti di prendere parte a questa nuova avventura. Il coinvolgimento di questi ragazzi in fuga dalle guerre e dalla fame, arrivati a Genova in cerca di un futuro migliore dopo aver attraversato il Mediterraneo a bordo delle cosiddette “carrette del mare”, per noi è il naturale sbocco di un progetto che abbiamo portato avanti in silenzio negli ultimi 5 anni. Un progetto che, anche grazie alla disponibilità del Circolo dell’Autorità portuale di Genova che ci ha messo a disposizione gratuitamente il suo campo da calcetto un giorno a settimana, ci ha permesso di entrare in contatto con decine e decine di migranti, per cui, quella che per noi era una semplice partita di pallone, rappresentava molto di più, un momento di serenità e di svago dopo anni di sofferenze e privazioni, un’occasione per emanciparsi e liberarsi da queste paure e, per alcuni, anche la speranza, attraverso lo sport, di costruirsi una vita diversa. Anche noi, però, nel nostro piccolo, abbiamo un sogno.. Il nostro sogno e il nostro obiettivo è creare una squadra di calcio popolare, composta da compagni e migranti, da iscrivere il prossimo anno al campionato di terza categoria. Guardando anche quello che succede nelle altre città, i tempi secondo noi sono maturi perché anche Genova dal prossimo anno abbia la sua “squadra del popolo”, una squadra da sostenere in massa sugli spalti, una squadra e una tifoseria che abbiano nel proprio dna valori come l’antirazzismo, l’antifascismo e l’antisessismo e che contribuiscano a diffonderli anche attraverso il calcio. Un obiettivo sicuramente ambizioso ma realizzabile se, come speriamo, riusciremo a coinvolgere in questo percorso più persone e realtà possibili. In attesa dell’inizio del campionato siamo pronti a fare delle amichevoli a 11 contro altre squadre genovesi. Prossimamente presenteremo il nostro progetto attraverso un’iniziativa pubblica (info a breve).

IL CALCIO È DEL POPOLO! LA RESISTENTE Atleti socialisti

Red.

Indietro

Ti potrebbero interessare anche:
Visualizza la versione standard ›