Seconda categoria | giovedì 13 dicembre 2018 03:15
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Seconda categoria | sabato 03 marzo 2018, 18:09

Francesco Rizzo, il bomber venuto dal Sud lancia il Rapid Nozarego

Dopo aver girovagato fra Calabria e Sardegna, l'attaccante torna in Liguria e oggi ha segnato il suo ventiduesimo gol con la maglia gialloblù del team di Andrea Annichiarico: "Come un padre per me, ho ricevuto richieste dall'Eccellenza ma oggi penso di più al lavoro che al calcio"

Francesco Rizzo, il bomber venuto dal Sud lancia il Rapid Nozarego

Francesco Rizzo, classe 1987, di Santa Margherita Ligure, sta trascinando il Rapid Nozarego a suon di gol verso la Prima Categoria.

Ma chi è questo bomber che mancava dalla Liguria da oltre dieci anni?

Ce lo racconta lui stesso:

“Ho fatto le giovanili a Rapallo, poi qualche torneo con la Sampdoria, quindi Spezia Primavera, nel 2005/2006 con la Lavagnese Serie D, poi me ne sono andato in Calabria il Eccellenza, in Sardegna in Serie D a Budoni, poi ancora Calabria in Eccellenza a Isola Capo Rizzuto, Castrovillari, Cotronei, Palmese. Nell'ultima stagione col Cotronei in Promozione ho vinto campionato, poi sono tornato in Liguria, dove mancavo da 12 stagioni”.

Tornato a Santa, inizia il rapporto lavorativo con Andrea Annicchiarico che naturalmente gli offre anche il posto al centro dell'attacco del Rapid Nozarego, dove con oggi ha già segnato 22 gol.

“Tornato in Liguria, mi sono adattato alla Seconda categoria, trovando una grande famiglia come quella del Rapid, con un signor presidente, che mi ha accolto come un figlio. E' stata la classica scelta di vita, di cuore e penso che rimarrò qui anche in futuro, poi valuteremo insieme al presidente. Certo, mi sono già arrivate richieste, dovevo andare alla Sammargheritese, ma oggi come oggi penso più al lavoro e meno al calcio, al momento non ci voglio pensare al futuro. Oggi son rientrato perchè la squadra aveva bisogno, anche se il ginocchio fa ancora male ed ero fermo da 6 partite. Credo che dopo le prossime due partite sapremo qualcosa in più sul nostro futuro, siamo primi ma dobbiamo fare attenzione perchè la Ciassetta non molla”.

PDP

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore