CALCIO | giovedì 16 agosto 2018 12:39
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

CALCIO | lunedì 12 marzo 2018, 19:30

Alessandro Giovinazzo: "Non esiste che un portiere come Edo Grosso sia costretto a giocare in Promozione da attaccante..."

L'attuale preparatore dei portieri dell'Entella accusa: "Le società sottovalutano troppo il ruolo del portiere e dei preparatori, preferendo far giocare giovani che costano poco. Avanti cosi e questo ruolo sarà sempre più trascurato..."

Alessandro Giovinazzo, classe 1977, è uno dei portieri più forti che abbia mai sfornato il calcio ligure. Oggi fa il Preparatore portieri agli Allievi nazionali dell'Entella.

“Un onore lavorare con Gennaro Volpe ex capitano Entella, Orazio Dell'Aversana e Mattia Bottaro – racconta Alessandro- il mio obiettivo è allenare i grandi prima o poi, ma sempre nell'ambito dei portieri, il campo in cui mi sento più pronto!”.

Hai visto portieri interessanti in Liguria?

“Per restare a casa nostra faccio due nomi: Raspa della Sampdoria e Russo del Genoa, due portieri già nel giro della Nazionale che possono ambire ai professionisti”.

Com'è cambiato oggi il ruolo del portiere?

“C'è più attenzione all'aspetto tattico, alla giocata coi piedi, i mister oggi vogliono portieri moderni in grado usare i piedi, ma sotto l'aspetto tecnico eravamo più bravi noi della nostra generazione”.

A proposito, fammi tre nomi dei portieri migliori dei tuoi tempi:

“Maurizio Perola (Sammargheritese), Mario Imbesi (Sestrese), Rossano Cancellara (Vado)”.

Il migliore fra i dilettanti oggi?

“Fra Eccellenza e Promozione, dico Cesare Dondero della Genova Calcio, un lusso per la categoria. Per il resto, i giovani giocano più per questioni economiche che di bravura, costano poco e le società preferiscono spendere per un attaccante. Se pensiamo che un portiere come Edoardo Grosso deve andare a giocare in Promozione da attaccante (ruolo in cui peraltro è bravissimo), perchè da portiere costa troppo... Significa che il ruolo dei portieri è sottovalutato come quello dei preparatori, andando avanti cosi si farà fatica a far crescere chi gioca in questo ruolo...”



PDP

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore