Serie D | domenica 22 aprile 2018 20:00
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Serie D | sabato 31 marzo 2018, 16:31

Davide Torrice: "Avremmo dovuto essere molto più in alto, ci mancano almeno 7 punti"

Il presidente del Ligorna ha un po' di rammarico: "Per il gioco espresso meriteremmo un'altra posizione di classifica. Complimenti all'Albissola e a Fossati, ha ottenuto il massimo da un gruppo di giocatori in cerca di riscatto. Noi ci consolidiamo come terza squadra di Genova ma dobbiamo rifare il campo".

Ligorna sempre più terza squadra di genova. La formazione del presidente Davide Torrice si consolida sempre più in Serie D e guarda al futuro con ottimisimo, con la priorità della realizzazione di un nuovo terreno di gioco.

Col presidente Torrice facciamo un'analisi completa della stagione, cominciando coi complimenti all'Albissola.

“Stanno facendo un campionato pazzesco, nessuno se lo aspettava. All'andata con loro abbiamo vinto non meritando, al ritorno potevamo vincere ma non ci siamo riusciti. Mister Fossati è riuscito a far rendere al massimo un gruppo che gioca sempre dietro la linea della palla, corrono tantissimo, hanno un bel portiere e tanti ragazzi che avevano voglia di riscatto”.

E passiamo al Ligorna, una realtà ormai solidissima:

“La Serie D è casa nostra, siamo la terza squadra di Genova, l'obiettivo è migliorare ancora. Peccato perchè ci mancano 6-7 punti in più, compresi i due punti buttati via giovedi scorso col Querceta... Con la vittoria avremmo giocato le ultime partite ancora più sereni. Abbiamo una rosa completa, molto competitiva, un peccato avere solo 39 punti”.

Cosa vi è mancato per essere al posto dell'Albissola?

“I gol degli attaccanti. Chiarabini, Valenti, Oneto tutta gente da doppia cifra che quest'anno sono andati sotto le aspettative come realizzazioni, è mancata la cattiveria sotto porta”.

Con Monteforte come siamo messi, conferma in arrivo?

“Non abbiamo problemi, però ne parleremo a fine stagione, anche due anni fa avremmo dovuto continuare insieme e poi sapete come è finita. Con gli allenatori non si può mai sapere. Certo anche lui ha molto rammarico perchè potevamo essere molto più in alto”.

Chi vincerà il campionato?

“Oggi come oggi darei possibilità a tutte e 3, ma la Sanremese come organico è la più forte in assoluto, forse ha solo qualche problema di gioco. L'Albissola sulle ali dell'entusiasmo può ottenere qualsiasi risultato, il Ponsacco non la vedo una realtà da Lega Pro, mentre il Savona è un po' troppo in ritardo. Per tutti comunque la Lega Pro è un bel traguardo, ma anche un impegno economico non indifferente, ci vogliono le strutture, e noi in Liguria a parte Sanremo non ne abbiamo, forse l'unica è la Sciorba”.

I prossimi obiettivi del tuo Ligorna?

“Vorremmo consolidare la serie D, purtroppo siamo l'unica società non considerata dal Comune di Genova, siamo penalizzati di 150 mila euro rispetto agli altri. Io vorrei rimanere a Ligorna col campo nuovo, più che fattibile direi che è necessario, non solo per noi ma per tutti i campi liguri, basta andare in Toscana, e vedi ad esempio a Forte dei Marmi uno stadio gioiello, ma lì il Comune investe, noi abbiamo solo impianti fatiscenti...”


PDP

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore