Calcio giovanile | martedì 23 ottobre 2018 09:03
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Calcio giovanile | lunedì 16 aprile 2018, 12:17

Superba in festa per la Juniores che torna in Eccellenza

Il mister Tramontana: "Abbiamo fatto numeri da record, con 67 punti, 94 gol fatti e solo due partite perse, e mancano ancora 4 giornata, ma siamo già stati promossi. Complimenti a tutto il gruppo".

Superba in festa per la Juniores che torna in Eccellenza

Grande soddisfazione in casa Superba, dove la Juniores ha vinto il proprio campionato (Juniores di secondo livello regionale girone B) con 4 giornate di anticipo, conquistando la promozione in Juniores d'Eccellenza da dove era retrocessa l'anno passato.

“Eravamo partiti per lottare per le prime posizioni -racconta mister Fabrizio Tramontana, classe 1965- ma non pensavamo di arrivare cosi in alto con numeri cosi importanti. Abbiamo perso solo due partite, una pareggiata, le altre tutte vinte, abbiamo fatto già 67 punti mancano e mancano ancora 4 partite, 94 gol fatti, 21 subiti, giocando un ottimo calcio. I ragazzi hanno risposto bene alle mie richieste, sono quasi tutti 2000 gracili ma tecnicamente validi. Noi alimentiamo la prima squadra, che ha ben 12 fuoriquota in rosa, i miei salgono e scendono a seconda delle esigenze, su tutti Matteo Campazzo, che ha fatto ottimi progressi, e Savalli, che anno scorso era con noi e oggi è titolare fisso, oltre a Gagliano e Pavone i nostri bomber, anche se in gol sono andati quasi tutti”.

“Sono al secondo anno con loro -racconta Tramontana- al Lagaccio anno scorso con la Juniores d'eccellenza siamo retrocessi, è stata una annata fallimentare, abbiamo sofferto tantissimo perchè tanti andavano in prima squadra. Il prossimo anno i 2000 sono ancora juniores, qualcuno salirà in prima, vedi Talmoudi, Sannino, Gagliano, un 99 a cui facciamo gli auguri perchè si è fatto male al ginocchio”.

Il futuro di Fabrizio Tramontana?

“Devo parlare con la società ma avrei piacere di continuare con la Superba, e perchè no mettermi in gioco in futuro con una prima squadra. La mia carriera di allenatore è iniziata dieci anni fa col Lagaccio, ho allenato prima i 1996, poi 1998, poi i 2000... Faccio ancora i complimenti a questo gruppo, i loro sacrifici sono stati ripagati, sono stati splendidi”.

PDP

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore