Seconda categoria | mercoledì 19 settembre 2018 12:38
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Seconda categoria | mercoledì 12 settembre 2018, 15:30

Matteo Carnovale: "Meglio il campo in terra di Mele che tanti sintetici che sembrano asfalto..."

Il bomber gialloblù prevede un campionato combattuto: "San Desiderio una spanna sopra le altre"

4 gol in due partite per Matteo Carnovale, il nuovo bomber del Mele. Col Cep 3 gol e 1 col Masone, e ora sabato sotto con la sua ex squadra, la Rossiglionese, mentre la qualificazione si giocherà probabilmente sulla differenza reti.

“La coppa ci serve per trovare il ritmo partita -spiega Carnovale- per ora ho visto davvero una buona squadra, a Mele ci sono le basi per fare bene, c'è un gruppo molto unito e affiatato, da anni che sono insieme. Negli allenamenti ci divertiamo, è la quarta settimana che ci alleniamo tutti i giorni, ma non sentiamo la fatica, e speriamo di toglierci qualche soddisfazione, magari facendo valere il fattore campo. Io preferisco la terra di Mele rispetto a tanti sintetici che sembrano asfalto”.

Un giudizio sul girone?

“Sarà un campionato difficile, con il San Desiderio una spanna sopra, poi Campi, Pontecarrega, Masone e le due squadre di Arenzano, Old Boys Rensen che si è rinforzata parecchio, e Il Libraccio che ha preso il blocco ex Val Lerone, che daranno filo da torcere. Prevedo un campionato avvincente, ma occhio alle sorprese perchè l'anno scorso noi del Mariscotti non eravamo considerati, e poi abbiamo vinto. Qui non contano i nomi ma chi ha fame e voglia vincere, non è detto vinca sempre la più forte. E a proposito del Mariscotti, mi spiace che non si sia iscritto, ho lasciato un grande gruppo di amici che porterò sempre nel cuore”.

Infine un messaggio per mister Milite:

“Siamo vicini al mister che in questo momento non può essere con noi per i suoi problemi personali, lo aspettiamo presto sul campo”.

PDP

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore