PALLANUOTO | domenica 24 marzo 2019 02:21
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

PALLANUOTO | 05 gennaio 2019, 20:36

Pallanuoto: Iren Genova Quinto centra il quarto successo consecutivo

L’Iren Genova Quinto cala il poker di vittorie. Dopo aver battuto, nel finale del 2018, Posillipo, Bogliasco e Roma, i biancorossi iniziano il nuovo anno nel migliore dei modi superando 11-9 il Nuoto Catania alle Piscine di Albaro

Pallanuoto: Iren Genova Quinto centra il quarto successo consecutivo

IREN GENOVA QUINTO-NUOTO CATANIA 11-9
IREN GENOVA QUINTO:
Pellegrini, Paunovic 2, Vavic, Mugnaini 1, Brambilla, Lindhout 4 (1 rig.), Gavazzi, Bielik, Boero, Bittarello 1, Gitto 2, Amelio 1, Pellerano. All. Luccianti
NUOTO CATANIA: Risticevic, Lucas, Jankovic 1, Buzdovacic, Catania, Russo, Torrisi 1, Scebba, Kacar 3 (1 rig.), Privitera 2, Presciutti 1, Cuccovillo 1. All. Dato
Arbitri: Alfi e Pascucci
NOTE: Parziali 2-2, 4-2, 2-2, 3-3. Superiorità 6/11 più un rigore per il Quinto, 2/9 più un rigore per il Catania. Il Nuoto Catania ha 12 giocatori a referto. Spettatori 500 circa.

L’Iren Genova Quinto cala il poker di vittorie. Dopo aver battuto, nel finale del 2018, Posillipo, Bogliasco e Roma, i biancorossi iniziano il nuovo anno nel migliore dei modi superando 11-9 il Nuoto Catania alle Piscine di Albaro nella dodicesima giornata del campionato di serie A1. Dopo un avvio shock, con gli etnei capaci di portarsi sul doppio vantaggio, Bittarello e compagni hanno reagito con il piglio giusto conquistando tre punti fondamentale per la classifica. L’Iren Genova Quinto è ora al quarto posto a pari merito con la Florentia (battuta nello scontro diretto) a quota 21 punti.

E’ stata una partita dura, abbiamo iniziato male – dice il tecnico Gabriele Luccianti Poi siamo rientrati in gara, abbiamo provato a controllarla ma loro non si sono mai fatti staccare nettamente. Dispiace un po’ nel finale, eravamo a più quattro e abbiamo chiuso a più due, ma ci può stare. In questi dieci giorni dopo la gara di Roma ero piuttosto teso, si era creata una sensazione che fosse una vittoria obbligata, scontata. In realtà in questo campionato non va così, il Catania ha fatto un’ottima gara a riprova che non esistono gare già chiuse prima dell’inizio. Ho dovuto quindi fare il pompiere, ma ora faccio i complimenti ai miei ragazzi che sono stati bravissimi“.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore