ATTUALITA' | domenica 22 settembre 2019 20:33
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

ATTUALITA' | 02 aprile 2019, 17:06

Sviluppo economico: presentato il fondo regionale da 5 milioni per le pmi e le start up 'ad alto potenziale'

L'assessore regionale Benveduti: "Entro l'estate pronti 30 milioni per le imprese del territorio" 

A partire dal 30 aprile pmi e start-up liguri potranno accedere al fondo di sviluppo regionale da 5 milioni di euro dedicato al sostegno delle piccole e medie imprese ad alto potenziale di crescita i cui prodotti, know-how e servizi possono rappresentare buoni margini di sviluppo per la regione. "La nostra vision è quella di attrarre investitori in Liguria, valorizzando le nostre imprese e far sì che altrettante possano insediarsi nel nostro territorio" racconta l'assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti in conferenza stampa. 

“Siamo convinti - continua Benveduti - che il 2019 possa essere l'anno delle start up e delle aziende ad alta potenzialità. Questa è solo una delle misure che abbiamo messo a sistema per sviluppare progetti che possano creare occasioni di sviluppo e ampliamento dei mercati. Grazie a questo fondo, gestito da Ligurcapital, aiutiamo le imprese a rafforzare il patrimonio, avvicinandole al contempo a investitori privati, con un interessante effetto leva”. 

A ogni intervento del fondo dovrà corrispondere un investimento congiunto di uno o più privati indipendenti, secondo le modalità e le quote previste dal bando. “Il fondo presentato oggi consolida ulteriormente il ruolo di Ligurcapital e l’impegno di Regione nel segmento del capitale di rischio ‘a mercato’, quello cioè dell’investimento in partecipazioni di minoranza nel capitale sociale delle nostre aziende, che intendono perseguire progetti e strategie di crescita e colmando un buco di mercato non coperto dai fondi di private equity. Lo strumento funziona e anche molto bene, come dimostrano alcuni dei recenti casi di investimento di successo, sia in aziende strutturate quali Circle cap e Sedapta Group, sia in start up come Sailsquare e Drexcode" sottolinea Giorgio Lamanna presidente di Ligurcapital. 

Le imprese interessate alla capitalizzazione hanno la possibilità di presentare il progetto in modalità offline su Ligurcapital.it già dal 28 marzo scorso. La procedura, a sportello e fino a esaurimento della dotazione, prevede una soglia di investimenti che va da un minimo di 50 mila euro a un massimo di 500 mila euro di risorse pubbliche. “Filse e Ligurcapital rappresentano oggi un importante asset per Regione per aiutare le imprese e rafforzare il tessuto economico anche in una logica di disintermediazione dal mondo bancario e supplenza alle carenze di mercato. Ma non vogliamo fermarci qui. Stiamo - assieme a Regione e Ligurcapital - lavorando per la strutturazione di nuovi strumenti di ingegneria finanziaria che possano aiutare le imprese liguri nel loro processo di consolidamento e crescita” commenta il presidente di Filse Pietro Codognato Perissinotto. 

“Questo intervento – conclude l’assessore Benveduti – rientra tra le misure che abbiamo messo a sistema per agevolare le imprese del territorio. Sono pronti entro l’estate 30 milioni per il sostegno di importanti settori, come la ricerca, l’innovazione, le infrastrutture di ricerca e la creazione d’impresa, nonché gli investimenti produttivi che coinvolgeranno l’area di crisi complessa savonese, l’area di crisi non complessa e la zona franca urbana di Ventimiglia”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore