Calcio giovanile | mercoledì 24 aprile 2019 20:03
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Calcio giovanile | 17 aprile 2019, 12:50

Scocca la scintilla tra i ragazzi della Levante C Pegliese e i piccoli pazienti del Gaslini

La palla sin dalla nascita unisce ad ogni latitudine

Scocca la scintilla tra i ragazzi della Levante C Pegliese e i piccoli pazienti del Gaslini

A volte è proprio in un luogo di dolore e di speranza che trovi una risposta alla parola VITA. Questo è quanto hanno provato gli atleti e i dirigenti della Levante C Pegliese durante la meravigliosa, quanto impegnativa, esperienza della visita all' Istituto Giannina Gaslini di Genova. L' occasione per consegnare un po', se possibile, di felicità, seppur per pochi istanti o per alcuni minuti.

IL COMUNICATO

Martedì 16 aprile per una parte degli atleti della Levante C, rimarrà una data indimenticabile. Il gruppo accompagnato dai massimi dirigenti, alcuni Mister e dal Presidente della società era formato da alcuni ragazzi delle giovanili, alcune delle ragazze della squadra femminile, alcuni bimbi della Scuola Calcio ed i ragazzi della meravigliosa squadra amputati, si sono recati al nosocomio pediatrico per portare in dono, in prossimità della Pasqua, un pensiero dolce e semplice come sa essere un uovo di Pasqua e, la cosa che fa più felice ogni bambino fin dalla nascita: un piccolo pallone da calcio. Oltre a questo hanno portato il loro cuore, i loro sorrisi, preceduti da un comprensibilissimo stato di ansia iniziato già lungo il viaggio, per come approcciarsi alla situazione e sul comportamento da adottare di fronte alla vera sofferenza di ragazzi o di bambini che magari hanno la stessa età di quelli che calcano i campi ma non hanno la stessa fortuna.

La cosa più imprevedibile è stata ciò che tutti gli atleti hanno ricevuto, e cioè, in cambio una moneta difficilmente commerciabile ma dal valore incommensurabile: i loro sorrisi, la loro Gioia, pur essendo lì a combattere con qualcosa più grande di loro. Sembrava che dopo un’inevitabile tensione e difficoltà iniziale i ragazzi e i pazienti si conoscessero i da sempre, sentirli parlare con loro e con i loro genitori come se fossero amici da una vita, e i discorsi che facevano erano esattamente quelli che fanno nella quotidianità tutti: parlavano di Playstation, di calcio, di ragazze, di sogni e di speranze. È stata e resterà una giornata indimenticabile per tutti i ragazzi porteranno nel loro cuore per sempre ed una lezione di vita che invitiamo tutti a provare.

In conclusione un ultimo pensiero al personale del Gaslini, dall’Ufficio Relazioni col pubblico, ai medici, infermieri e volontari… COMPLIMENTI DI TUTTO CUORE SIETE SEMPRE STATI VISTI COME UN’ECCELLENZA DELLA NOSTRA CITTA’, PER NOI SIETE MOLTO DI PIU’…. SARETE UNA NOSTRA FAMIGLIA.

LEVANTE C PEGLIESE

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore