CALCIO | martedì 12 novembre 2019 06:15
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

CALCIO | 11 luglio 2019, 11:43

UN CALCIO AL PASSATO In un libro la carriera di Miro Zunino

Classe 1949, era un grande talento del calcio genovese, ha iniziato alla Sestrese e ha chiuso la carriera a Pinerolo

UN CALCIO AL PASSATO In un libro la carriera di Miro Zunino

“Un calcio al passato – Storia di un ragazzo innamorato del pallone” è il libro sulla vita calcistica di Miro Zunino, talento genovese degli anni 70 che vanta una carriera sui campi di Serie C ma avrebbe potuto ottenere molto di più per le sue qualità tecniche.

“Il merito del libro -racconta Zunino- va tutto al mio coautore, Gianni Repetto, amico di infanzia di Lerma e professore di filosofia, che mi ha stimolato a fare un racconto della mia carriera. Il divertimento principale è stato nel ricordare cose che erano sepolte, a partire da quando ho cominciato a giocare fino ai giorni nostri, è stato un grande piacere riscriverle”.

Classe 1949, originario di Genova Sestri Ponente, la sua prima maglia è stata quella della Sestrese, poi ha militato nel Genoa, dove ha fatto la trafila nelle giovanili fino alla prima squadra, quindi Entella, Derthona, Albenga, GaviNovese, Pisa, Benevento, Spezia, Savona, Cairese, dove ha fatto l'allenatore/giocatore vincendo il campionato di D, quindi ha chiuso la carriera a Pinerolo.

Tante presenze in Serie C per lui, e qualche apparizione nel Genoa ai tempi di Silvestri e Gipo Viani: “Viani stravedeva per me, ma ho perso il treno dopo il suo incidente che lo costrinse a lasciare il posto a Ghezzi”.

Tanti ricordi, tanti rimpianti, tanti ritagli di giornale nella carriera di Miro Zunino:

“Parlavano di me come di una grande promessa, nonostante la stazza fisica ridotta, sono altro 1.69 e un po' gracilino. Giocavo ala tornante, poi trequartista, alla fine regista. Due sono stati gli allenatori più importanti nella mia carriera, Landoni a Pisa e Canali a Savona, a Spezia ho avuto Scoglio che faceva il secondo di Sonetti. Con lui mi sono trovato bene, mentre con Sonetti non ho mai avuto un buon feeling. Tanti i giocatori importanti con cui ho giocato, da Zenga e Prati a Savona a Perego a Benevento, da Seghezza a Spezia a Sulfaro, Marcolini, Mutti e Dolci ancora a Savona”.

Un calcio al passato: perchè questo titolo?

“Perchè il calcio è stata la mia passione, ma ho anche tanto rammarico per le possibilità che non mi sono state date o per le occasioni perse per motivi non dipendenti dalla mia volontà”.

Chi volesse avere informazioni sul libro di Miro Zunino può rivolgersi al 3389722950.


Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore