PALLANUOTO | mercoledì 18 settembre 2019 11:07
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

PALLANUOTO | 26 agosto 2019, 11:28

Lindhout pronto a rientrare: “Voglio portare il Quinto al livello più alto della sua storia”

Lindhout pronto a rientrare: “Voglio portare il Quinto al livello più alto della sua storia”

Si unirà ai compagni, e quindi alla preparazione della squadra in vista del campionato di serie A1, martedì 3 settembre. Ma Robin Lindhout, uno degli artefici dei risultati ottenuti l’anno scorso dall’Iren Genova Quinto nel massimo campionato nazionale, di fatto non ha mai smesso di allenarsi e giocare. Lo ha fatto con la calottina della sua Nazionale, l’Olanda.

Ci siamo allenati molto e abbiamo giocato molto, praticamente dal giorno dopo la fine del campionato – racconta il numero sei – Il nostro obiettivo è sempre stato quello di prepararci per ottenere le qualificazioni ai prossimi giochi olimpici di Tokyo: abbiamo fatto due tornei, giocato contro Ungheria, Spagna, Francia e naturalmente contro l’Italia, che si è laureata campione del Mondo. Ci siamo allenati a lungo con un nuovo allenatore, nuovi sistemi di gioco e chiaramente con le nuove regole, che valuto positivamente“.

Gli impegni con la Nazionale “Orange” termineranno domenica, poi giusto il tempo del viaggio per raggiungere l’Italia ed ecco che martedì prossimo Robin Lindhout sarà alle Piscine di Albaro agli ordini di Gabriele Luccianti. “Credo che il club abbia fatto un ottimo mercato – prosegue – mettendo in squadra giocatori che hanno già dimostrato il loro valore nel campionato di serie A1, per me il più difficile e affascinante del mondo. Sarà un torneo secondo me molto simile a quello dell’anno scorso e tutto potrà accadere. Con la maggiore esperienza maturata e gli innesti di talentuosi giocatori sarà interessante vedere fin dove potremo arrivare: spero che riusciremo a giocare i play off, ma attenzione, perché se non ci impegneremo al massimo, lavorando sodo, potremmo anche essere risucchiati nella lotta per non retrocedere: come ho detto, tutto sarà possibile. Non vedo l’ora di unirmi ai compagni e iniziare ad allenarmi con loro per preparare al meglio una stagione che si annuncia molto faticosa, tra impegni con il club e con la Nazionale. Sono pronto a combattere per portare il Quinto al livello più alto mai raggiunto nella sua storia!”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore