Prima categoria | mercoledì 18 settembre 2019 11:24
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Prima categoria | 03 settembre 2019, 22:08

BORGORATTI Capitan Savona suona la carica

"Gruppo già cementato, penso che ci divertiremo"

BORGORATTI Capitan Savona suona la carica

Ennesima stagione calcistica per Alessandro Savona, classe 1982 e capitano del Borgoratti che sta tornando agli antichi splendori ed oggi è pronto ad affrontare il campionato di Prima Categoria sotto la guida dell'ex prof Maurizio Benedetti.

Alessandro, avete cambiato parecchio...

Abbiamo cambiato tanto ma abbiamo mantenuto uno scheletro che l’anno scorso è stato assoluto protagonista nel campionato di seconda. Approfitto per fare un augurio di una grande stagione ai ragazzi che quest’anno hanno cambiato squadra. Sono rimasti dei ragazzi esperti con qualità che non c’entravano nulla con la categoria e che hanno acquisito una mentalità vincente e che ora stanno provando a trasmetterla ai nuovi arrivati.

Nuovo gruppo, nuova categoria, prime sensazioni?

Le sensazioni, anche se mi sono aggregato al gruppo dopo, sono ottime, ormai vista la mia tenera età, mi basta il primo allenamento ad Agosto per capire che anno sarà. I ragazzi arrivati, alcuni molto giovani, hanno evidenziato subito delle qualità e si sono messi a disposizione del gruppo in punta di piedi dimostrando di essere “ragazzi del Borgo”. Abbiamo cercato immediatamente di cementare il gruppo e analizzando le forti motivazioni di ogni singolo giocatore, penso che potremmo divertirci. E’ una scommessa per tutti, dal sottoscritto al mister, e proprio per questo rende il tutto più attraente.

Quali obiettivi?

Rimaniamo a fari spenti, questo mi fa un enorme piacere, cercheremo di provare a fare bene nelle prossime due partite in coppa per preparare la gamba all’esordio in campionato. Indossiamo una maglia importante ed abbiamo la responsabilità di rendere efficace il percorso intrapreso un anno fa.

Borgoratti e il Borgoratti hanno fame di calcio...

E’ bastato vincere il campionato, per creare appeal sul quartiere e non solo e pertanto vogliamo far crescere la partecipazione in tutte le attività della società e per quanto concerne il calcio portare più bambini e ragazzi possibili ad apprezzare strutture, staff e concezione sana dello sport. La società si sta muovendo in tutte le direzioni per creare qualcosa di importante, sono stati messi alcuni mattoni ma la strada è ancora lunga per dire di aver costruito qualcosa di solido. C’è tanto entusiasmo e di conseguenza andare al campo è sempre una gioia immensa, nonostante i sacrifici, la famiglia ed il lavoro.

Due parole sul nuovo mister Benedetti?

Bravissimo , si percepisce che è stato un professionista. Mi ha voluto vedere quest’estate per primo perché conosce certe dinamiche del calcio e abbiamo subito avuto feeling. Ci sta massacrando atleticamente ma contemporaneamente ci sta inculcando il suo credo, quello di giocare sempre la palla. Si è messo a disposizione con grande intelligenza , quindi il primo responso è molto positivo.

E due parole anche sul mister dell'anno passato

Saluto Matteo Mangini che è un grande amico oltre che un ottimo allenatore vincente, con la speranza di vederlo presto in una panchina prestigiosa.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore