Promozione | mercoledì 18 settembre 2019 11:08
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Promozione | 13 settembre 2019, 16:23

LITTLE CLUB JAMES Michael Orlando, la nuova scommessa di Di Somma

Classe 99, faceva il terzino o la mezzala, adesso per necessità giocherà davanti al posto di Belfiore: "Un ruolo che mi è sempre piaciuto fin da bambino, quando il mio idolo era Ibra"

LITTLE CLUB JAMES Michael Orlando, la nuova scommessa di Di Somma

Michael Orlando (17/8/99) nella sua ancora breve carriera ha fatto un po' di tutti, il difensore, il terzino, la mezzala. Alto 1,86 ma con discreta tecnica e rapidità, da bambino faceva l'attaccante e l'attaccante tornerà a fare da dopodomani, un po' per necessità un po' per scelta.

Cresciuto nel Bogliasco, ha esordito in D nello Sporting Recco di Salvatore Mango, poi Siena, Dro Alto Garda, Manfredonia, Lavagnese. L'anno migliore il 16/17 con 15 partite in Serie D con lo Sporting Recco.

Da ieri è un giocatore del Little Club James, dove, visto l'infortunio di Alex Belfiore, mister Di Somma lo ha reinventato attaccante.

“Si, confermo, giocherò attaccante -racconta Michael- ho già fatto qualche amichevole in questo ruolo e me la sono cavata. Non sono conosciuto come attaccante, negli ultimi anni ho sempre giocato dietro o in mezzo al campo, ma questa intuizione del mister può avere un senso, spero di ripagarlo in campo. Da bambino quando ho iniziato ero una punta, dopo aver cambiato tanti ruoli ora mi è tornata la voglia di giocare là davanti”.

Come ti descriveresti?

“Diciamo che il mio fisico mi aiuta a proteggere la palla, a far salire la squadra, ma me la cavo abbastanza coi piedi e sono abbastanza veloce”.

Insomma, un tipo alla Edin Dzeko?

“Forse sono un po' più rapido, ma il mio idolo è sempre stato Ibrahimovic”.

Nelle squadre in cui hai giocato, da chi hai imparato di più?

“Al Siena ho giocato con Alessandro Marotta, oggi al Catania, dentro e fuori dal campo mi ha insegnato tanto”.

Il mister a cui devi di più?

“Come allenatori mi sono trovato bene con tutti, ma quello che mi ha lanciato è stato Salvatore Mango allo Sporting Recco, devo tanto a lui”.

Conoscevi Andrea Di Somma?

“No, l'ho conosciuto adesso, mi piace, è una persona che dice subito quello che pensa senza girarci intorno, una qualità che apprezzo molto. Ci alleniamo intensamente con lui, ora la parola passa al campo, proviamo a fare il massimo, poi strada facendo vedremo dove potremo arrivare”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore