ALTRI SPORT | giovedì 21 novembre 2019 01:06
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

ALTRI SPORT | 16 ottobre 2019, 14:46

L'ultimo vallone selvaggio: in difesa delle Cime Bianche

L'ultimo vallone selvaggio: in difesa delle Cime Bianche

Venerdì 18 Ottobre alle 21 presso la sala della Società di Lettura e Conversazioni Scientifiche di Palazzo Ducale, il CAI Sezione Ligure organizza assieme agli amici della Giovane Montagna di Genova un incontro dedicato all'ultimo ampio spazio integro del versante sud del massiccio del Monte Rosa, toccato marginalmente dall'intervento dell'uomo: il Vallone delle Cime Bianche.   IL VALLONE Il Vallone delle Cime Bianche sorge sulla testata superiore della Val d’Ayas, in un ambiente alpino incontaminato: è l’ultimo dell’intera valle ancora privo di strade, impianti di risalita e piste. Dominato dalla Gran Sometta, dal Bec Carré e dalla Pointe Sud, composte da substrati calcarei della Zona Piemontese, è ciò che resta di un mare tropicale ricco d’isole coralline, parte della Tetide, spinto in quota dallo scontro della zolla europea con quella africana.É stato annoverato tra i biotopi degni di “rilevante interesse vegetazionale e meritevoli di conservazione” da parte della Società Botanica Italiana, ed è incluso nella Zona di protezione speciale “Ambienti Glaciali del Gruppo del Monte Rosa” (IT1204220), parte della rete europea Natura 2000. LA SERATA Il Vallone è ormai da anni minacciato dalla costruzione di un impianto di risalita.Parleremo quindi del suo enorme valore naturalistico e storico, della sua ricchezza, della sua unicità che lo rendono un luogo da preservare assolutamente così com’è. Lo faremo attraverso immagini e video che vi porteranno nei suoi angoli più suggestivi, grazie a un viaggio fotografico esteso nelle quattro stagioni.Ci auguriamo, al termine di questo incontro, di aver trasmesso ai partecipanti la voglia di visitare (o di rivedere) questo gioiello delle Alpi, auspicando che il maggior numero di persone possibile diventi portavoce della sua bellezza, ma anche della sua fragilità.    Relatori: Annamaria Gremmo, medico biellese classe 1981, si occupa elettivamente di fotografia naturalistica, nelle sue varie declinazioni, con un’attenzione particolare per la Wildlife Photography finalizzata alla grande causa della Conservazione, sulle nostre Alpi così come in Africa, dove ritorna ogni anno. Francesco Sisti, di Dorno (Pavia) anche lui classe 1981, è socio fondatore e fotografo dell'agenzia fotografica Clickalps e anche della giovane agenzia Aosta Panoramica, nonchè collaboratore fisso del Parco Nazionale Gran Paradiso. Ha pubblicato le sue immagini su numerose riviste, periodici, calendari, libri fotografici. Marco Soggetto, biellese classe 1983, innamorato conoscitore della Val d’Ayas sin dalla più tenera infanzia, si occupa prevalentemente di fotografia di montagna. Già autore di manuali e di libri di storia, ha creato nel 2004 il sito Varasc.it, che da allora si propone come canto d’amore per questa valle. INGRESSO LIBERO e GRATUITO     I PROSSIMI APPUNTAMENTI Martedì 22 ottobre alle 21 in Sede una serata dedicata ai minerali del Beigua Geopark. Ospiteremo il prof. Donato Belmonte dell'Università di Genova che ci illustrerà i pregevoli tesori del nostro Parco. Serata a cura della Scuola di Escursionismo. Ingresso libero Da Martedì 5 Novembre, per tutti i martedì del mese, alle 21 appuntamento al Cinema Cappuccini per la rassegna sull'ultimo Trento Film Festival.

A QUESTO LINK tutte le informazioni.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore