/ Seconda categoria
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Seconda categoria | 28 novembre 2019, 10:29

COPPA LIGURIA Vecchio Castagna e Apparizione e le squalifiche fantasma

Giannubilo e Bonica non sono stati impiegati in Coppa per una sanzione che in realtà non doveva essere comminata: vediamo perchè

COPPA LIGURIA Vecchio Castagna e Apparizione e le squalifiche fantasma

Giallo in Coppa Liguria, e mai termine è più appropriato visto che parliamo di due cartellini "fantasma".

Sono quelli con cui erano stati sanzionati i giocatori Bonica dell'Apparizione e Giannubilo del Vecchio Castagna nella partita di Coppa sospesa per un black out elettrico dovuto a un fulmine sul campo di San Desiderio.

Ebbene, il nuovo regolamento dice che i cartellini gialli delle partite sospese e che andranno riprese dal minuto della sospensione NON DEVONO ESSERE CONSIDERATI DAL GIUDICE SPORTIVO, ma rimangono "sospesi" in attesa della prosecuzione.

Il Giudice Sportivo, però, pare se ne sia "dimenticato", visto che ha squalificato i due giocatori impedendogli di fatto di disputare la partita successiva di Coppa (Apparizione-Borgo Incrociati per Bonica, Vecchio Castagna-Pontecarrega per Giannubilo).

E se Giannubilo non era stato messo in distinta dal Castagna, curiosa la situazione di Bonica dell'Apparizione: il giocatore era stato messo in campo per una disattenzione della società, ma ricordate il gesto di fair play del ds del Borgo Incrociati Baffico, che aveva fatto notare la cosa all'Apparizione salvandola di fatto da una sconfitta a tavolino?

Sconfitta, che, alla luce dei fatti, non sarebbe dovuta arrivare, come nemmeno quella squalifica, visto che il famoso cartellino giallo di Bonica (come quello di Giannubilo) doveva essere "congelato" in attesa della ripetizione!

Ora le due società, Vecchio Castagna e Apparizione, si chiedono se è giusto che per in errore del Giudice Sportivo entrambe non abbiamo potuto schierare la formazione migliore nelle partite della seconda giornata di Coppa, rispettivamente persa e pareggiata contro Pontecarrega e Borgo Incrociati. 

Ci sono i termini per la ripetizione della partita? Pare di no, i termini per un ricorso sarebbero passati... Come uscirne adesso? E soprattutto, in caso di ulteriore ammonizione, Bonica e Giannubilo dovrebbero saltare una partita per squalifica, pur avendola, di fatto, già scontata?

===========================

LEGGI QUI L'ARTICOLO DI SETTIMANA SPORT SUL REGOLAMENTO RIGUARDANTE LE PARTITE SOSPESE

===========================

IL REGOLAMENTO (vedi punto V della sezione B)

Art. 30: Lo svolgimento dei Campionati

Si riportano, a seguire, i testi di cui ai commi 4. e 5.:

4. Le gare non iniziate, interrotte o annullate sono recuperate con le modalità fissate, con decisione inappellabile, dalla Lega, dai Comitati, dalle Divisioni e dai Dipartimenti. Per le gare interrotte in conseguenza di fatti o situazioni che non comportano l’irrogazione delle sanzioni di cui all’art. 17 del Codice di Giustizia Sportiva deve essere disposta, in altra data, la prosecuzione, dei soli minuti non giocati. La quantificazione dei minuti non giocati è determinata, con decisione inappellabile, dal direttore di gara. La prosecuzione delle gare interrotte in conseguenza di fatti o situazioni che non comportano l’irrogazione delle sanzioni di cui all’art. 17 del Codice di Giustizia Sportiva avviene con le seguenti modalità:

a) la partita riprende esattamente dalla situazione di gioco che era in corso al momento della interruzione, come da referto del direttore di gara;

b) nella prosecuzione della gara possono essere schierati tutti i calciatori che erano già tesserati per le due Società Associate al momento della interruzione, indipendentemente dal fatto che fossero o meno sulla distinta del direttore di gara il giorno della interruzione, con le seguenti avvertenze:

i) i calciatori scesi in campo e sostituiti nel corso della prima partita non possono essere schierati nuovamente;

ii) i calciatori espulsi nel corso della prima partita non possono essere schierati nuovamente né possono essere sostituiti da altri calciatori nella prosecuzione;

iii) i calciatori che erano squalificati per la prima partita non possono essere schierati nella prosecuzione;

iv) possono essere schierati nella prosecuzione i calciatori squalificati con decisione relativa ad una gara disputata successivamente alla partita interrotta;

v) le ammonizioni singole inflitte dal direttore di gara nel corso della gara interrotta non vengono prese in esame dagli organi disciplinari fino a quando non sia stata giocata anche la prosecuzione;

vi) nel corso della prosecuzione, le due squadre possono effettuare solo le sostituzioni non ancora effettuate nella prima gara. E’ fatta salva la particolare disciplina per le attività di Calcio a Cinque.

5. Nel caso di designazione di campo neutro a seguito di sanzioni disciplinari, la Lega, i Comitati, le Divisioni e i Dipartimenti provvedono a requisire un campo ritenuto idoneo in altro Comune.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore