/ Prima categoria
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Prima categoria | 20 ottobre 2020, 11:32

L'ADDIO AL CALCIO DI GIANVITO GARASSINO

L'ex giocatore di Andora e Loanesi spiega: "Ho capito che è arrivato il momento di appendere le scarpe al chiodo"

Garassino in una foto storica marchiata SETTIMANA SPORT

Garassino in una foto storica marchiata SETTIMANA SPORT

"Smetto perchè non ne ho più voglia. Sono andato a vedere qualche partita e mi sentivo al mio posto in tribuna. Mi aveva anche chiamato una società di Eccellenza ma ho detto di no. Andare a giocare tanto per passare del tempo non mi sembrava il caso perché fortunatamente a casa sto bene".

Gianvito Garassino ha preso la sua decisione. Appenderà la scarpette al chiodo. E in questo post sul suo profilo FB spiega perchè.

... Siamo arrivati alla fine. Pensavo che avrei sofferto di più, invece trascorrendo più tempo insieme alla mia splendida famiglia ho capito che è arrivato il momento di appendere le scarpe al chiodo. Niente più allenamenti, niente più prese per i fondelli nello spogliatoio (quello che mancherà di più, senza dubbio), niente più domeniche a lottare sui campi. 19 anni, 521 partite, 110 gol. Campionati vinti, promozioni, retrocessioni, salvezze e promozioni miracolose sfiorate. Andora, Sanremese, Golfodianese, Andora, Cairese, Andora, Ceriale, Andora, Pietra Ligure, Loanesi e Andora. Compagni, mister, magazzinieri, massaggiatori, dirigenti, presidenti e tifosi (sì, tifosi). Tutte le stagioni sono state da ricordare (nel bene o nel male), ma porto nel cuore il 2002/2003 (la prima vittoria non si scorda mai), il 2005/2006 (una banda di ragazzini andoresi e 3 vecchietti terribili che dominò la promozione), i primi tre fantastici anni di eccellenza ad Andora (una squadra di quasi tutti andoresi che affrontava veri e propri squadroni, peccato non ci siano video di quelle partite), il 2014/2015 (un gruppo di amici, indimenticabile la sera dei playoff con il Camporosso e lo Scirea strapieno), il 2016/2017 (una vittoria inaspettata ma meritata) e il 2018/2019 (un gruppo fortissimo dentro il campo e completamente folle fuori). Le partite più belle: Andora-Sammargheritese 2-1, Andora-Loanesi 4-1, Andora-Camporosso 3-0 e Loanesi-Sestrese 2-0. Non dimentico nemmeno le grosse delusioni, gli errori e la perdita di un grande ex compagno come Stefano Persenda. Ho sempre cercato di dare il massimo e credo di esserci riuscito, con pregi e difetti, in campo e fuori. Ora andrò a vedermi qualche partita in giro e farò il tifoso dell'Andora. Mi tengo aperta una finestra se dovessero introdurre i cambi basket nel calcio: ogni tanto, una punizione la tirerei proprio volentieri e sono certo che i miei bimbi e

Sarah Tognella

capirebbero.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore