/ Promozione
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Promozione | 21 ottobre 2020, 12:21

LEGINO Fabio Tobia commenta la situazione: "Stabiliamo delle regole o fermiamoci"

"Ora la cosa più importante sono le vite al di fuori e noi abbiamo una responsabilità massima, gestiamo la cosa più importante che le famiglie hanno, ovvero I LORO FIGLI. Sono il bene più prezioso, dobbiamo essere responsabili e fare tutto al meglio"

LEGINO Fabio Tobia commenta la situazione: "Stabiliamo delle regole o fermiamoci"

Fabio Tobia del Legino interviene nel nostro dibattito aperto sull'emergenza Covid nel calcio dilettanti:

Sarebbe opportuno almeno in attesa di questo picco stabilire una regola o fermarsi.

Ogni giocatore ci ha posto il problema del rischio lavoro, famiglia  ecc...

Noi come Legino abbiamo già espresso un parere tra le società di Savona e lo abbiamo pubblicato, infatti poco dopo il Governo ha fatto lo stesso con un provvedimento per fermare almeno l'attività di base.

Ora secondo me non possiamo esprimere un parere generale ma solo legato alla situazione personale che ognuno vive.

Nessuno di noi vorrebbe essere nella stanza dei bottoni in una situazione complessa come questa.

Capisco la difficoltà e la complessità che la Federazione deve affrontare e nessuno di noi potrebbe fare meglio.

Ora però si fa fatica sia a gestire la settimana con i giocatori in quanto non si sa mai se caricare o scaricare e come prepararli al meglio se non si sa bene cosa si farà nel fine settimana.

In più non si riesce mai ad essere al completo. E la scuola, e il lavoro, e i contatti...

Una situazione difficilissima. Sono ripetitivo ma il nostro presidente Carella aveva espresso il pensiero di creare un anno con manifestazioni e campionati senza classifica, un campionato di assestamento in attesa che la situazione si normalizzasse.

Come puoi pensare che il campionato sia reale se dobbiamo fare fronte alle partite senza 2, 3, 4, 5 giocatori a seconda delle settimane?

Credetemi tutti noi abbiamo la massima serenità nell'esprimere il nostro pensiero. Siamo vicini alle istituzioni e alle Federazioni nelle scelte che hanno preso o prenderanno.

Purtroppo può succedere di tutto ma stavolta vincere o perdere, retrocedere o vincere il campionato, prendono tutto una forma diversa. E forse nemmeno così importante come prima.

Aspettiamo la fine di tutto, vedremo dove si sarà e da lì ci rimboccheremo le maniche per ripartire al massimo.

Ora la cosa più importante sono le vite al di fuori e noi abbiamo una responsabilità massima, gestiamo la cosa più importante che le famiglie hanno, ovvero I LORO FIGLI. Sono il bene più prezioso, dobbiamo essere responsabili e fare tutto al meglio.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore