/ AMARCORD
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

AMARCORD | 22 novembre 2020, 23:00

AMARCORD#135: riviviamo il calcio dei dilettanti...

AMARCORD#135: riviviamo il calcio dei dilettanti...

Partitone con annesse pagelle nel 2009 su Settimana Sport. Il Ligorna era pieno di stelle, ma anche la Pro Recco non era messa male...

*******

Ligorna

Skavo 6: mette in angolo una punizione di Barabino, poi non è più impegnato, ma al 90' rischia di combinare il pasticcio cercando di scartare Priano che fortunatamente non inquadra la porta.

Fanti 6: segue piuttosto bene Agnetti per tutto l’arco del match, ma si fa trovare impreparato sullo stacco aereo della punta ospite in occasione del pareggio.

Cipani 6,5: nel primo tempo si limita a controllare, nella ripresa mette il turbo e spinge come un ossesso sulla sinistra; completamente recuperato dall’infortunio.

Maggiolini 6,5: ottima interpretazione del ruolo di libero, una sicurezza, ma è corresponsabile nell’azione del pareggio ospite.

Maffei 6,5: marca con estrema correttezza Barabino: il duello fra i due capitani è stato certamente uno dei temi più interessanti della gara.

Pastine 6: dà l’impressione di pestarsi i piedi con Groppi, il gioco passa da entrambi ma non sono troppi due registi in mezzo al campo?

Poggi 6,5: spinge bene sulla destra, è uno dei più pericolosi e forse non meritava di essere sostituito.

Ligalupo 6: si piazza in mezzo al campo ma non incide.

Paterniti 6: prestazione inferiore al suo standard, solito lavoro oscuro ma meno prezioso del solito.

Zito 6,5: si batte come un leone là davanti, impegna Riminucci e coglie una traversa, ma è troppo solo!

Groppi 6: stesso discorso fatto per Pastine, impeccabile nella trasformazione del rigore.

Lupo 6: fa il terzino, l’ala e la punta, si procura il rigore ma non è determinante come in altre occasioni.

 

Pro Recco

Riminucci 6,5: decisivo su Lupo e Zito, è una sicurezza e non può fare nulla su rigore di Groppi.

Calcagno 6: non ha una punta da marcare, segue Lupo ma in difesa non ha da fare moltissimo.

Caprile 6,5: gran lottatore, contrasta e riparte con estrema grinta, a volte troppa.

Scarfò 6: si piazza in mezzo al campo ma non riesce a dare quel tocco in più che servirebbe alla squadra.

Gazzo 6: contiene abbastanza correttamente Zito, che gli scappa solo due volte per fortuna non fatali alla Pro Recco.

Razeto 6: libero all’antica, non si fa pregare quando deve spazzare alla “viva il parroco”.

Cannistrà 6: gioca tornante di destra, si imbatte in Cipani col quale si controlla a vicenda.

Matar 6,5: dà un po’ più di vivacità sulla fascia destra, è reduce da un infortunio e la Pro Recco lo aspetta.

Amico 6,5: giocatore arrivato tardi in Promozione, non gioca ai suoi massimi livelli ma abbina sempre quantità e qualità.

Agnetti 6,5: molto attivo all’inizio, si addormenta a metà gara, ma è decisivo nel finale con un perentorio stacco di testa che regala il pareggio della speranza alla Pro Recco.

Barabino 6,5: la bandiera non si ammaina mai, combatte col pari grado Maffei e si alterna fra i ruoli di seconda punta e trequartista con ottimi risultati.

Romaniello 6: duella senza esclusione di colpi con Pastine, non incide più di tanto e nella ripresa esce quasi subito.

Priano 6: là davanti ne combina di tutti i colori, nel bene e nel male; tra il 90' e il 94' si mangia pure il gol della vittoria.

[P.DP.]

Fra.Cas.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore