/ Altri sport
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Altri sport | 24 novembre 2020, 11:20

SPORT INVERNALI - Gianpietro Ghedina, sindaco di Cortina, a Rtl 102.5: "Lo sci è uno sport individuale, dove c’è il distanziamento”

“Ci sono le condizioni per riaprire in sicurezza. Non farlo sarebbe per noi un colpo irrecuperabile”

SPORT INVERNALI - Gianpietro Ghedina, sindaco di Cortina, a Rtl 102.5: "Lo sci è uno sport individuale, dove c’è il distanziamento”

Gianpietro Ghedina, Sindaco di Cortina D’Ampezzo è stato intervistato questa mattina in diretta su RTL 102.5 in Non Stop News, condotto da Fulvio Giuliani, Giusi Legrenzi e Pierluigi Diaco.

Qui il link del video integrale dell’intervista: https://rtl-cdn.thron.com/shared/plugins/embed/current/rtl/8865e458-379e-4dd7-9a42-bde1822ce257/hjivo4.

Alcuni sportivi della neve come Alberto Tomba e Federica Brignone hanno lanciato un appello al Governo per non chiudere gli impianti sciistici a Natale. A questo proposito il Sindaco di Cortina commenta: “In questo confronto tra regioni e Governo io mi auguro che le regioni si facciano sentire e che ci mettano nelle condizioni per Natale, di poter aprire e lavorare. Le persone si possono spostare e venire in montagna e sarebbe un non senso non farle sciare e non mandarle sulle piste. Inoltre, in questo caso, avremmo una concentrazione di persone nelle vie e nel paese. Lo sci è uno sport individuale, dove c’è il distanziamento”.

Credo che ci sia un po’ di isterismo e  di non conoscenza di quello che succede in montagna: il problema delle code è facilmente superabile con la prenotazione online e gli impianti hanno dei protocolli di distanziamento, ci sono tutte le caratteristiche per garantire una vacanza e uno sport in sicurezza”.

Il Sindaco Ghedina si esprime poi sull’indotto che porta lo sci e la montagna: “Il mondo dello sci è legato agli alberghi, alla ristorazione e ai negozi, la montagna vive con lo sci: questo sarebbe un colpo molto duro e difficilmente recuperabile, anche perché il Natale incide per il 30% sulla stagione invernale. Per noi è impensabile di non poterlo fare, ovviamente ridimensionato, poiché le motivazioni ci sono. Cortina è una terra dove la gente viene anche per non sciare, ma gli sciatori fanno economia”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore