/ Prima categoria
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Prima categoria | 27 novembre 2020, 23:10

10 DOMANDE (SCOMODE) AI TEMPI DEL COVID Risponde Samuele Abbate

Il ds del Bargagli San Siro: "Ho sempre sostenuto che il calcio sia l'unico sport di squadra dove ogni persona gioca per se stesso......e questo la dice lunga......non esiste riconoscenza e il passato non conta per nessuno.....ad oggi contano solamente i risultati......ma come si dice "la speranza è l'ultima a morire"

10 DOMANDE (SCOMODE) AI TEMPI DEL COVID Risponde Samuele Abbate

10 DOMANDE (SCOMODE) AI TEMPI DEL COVID.

1) Giusto allenarsi o non allenarsi chi ha ragione ?

La priorità in questo momento è la salute delle persone, si tornerà sui campi quando ci saranno le giuste condizioni per poterlo fare. Il calcio è uno sport di squadra di contatto, non poter vivere lo spogliatoio appieno è "castrante".

2) Sincero: quando pensi si riprenderà a giocare?

Ho l'impressione che i "piani alti" navighino a vista......difficile fare previsioni.

3) Il format andrà cambiato per accorciare la stagione o si deve fare di tutto per arrivare in fondo ?

Non m'importa molto se sarà cambiata la modalità, l'importante è che ci sia equità, personalmente non apprezzo quello che è stato fatto in Eccellenza. 

4) Pensi che qualche giocatore voglia allenarsi o giocare anche o solo per i rimborsi ?

I rimborsi non sono più quelli di una volta, dubito che più del 5% dei giocatori (in Eccellenza) viva di calcio......il resto è passione e amore per questo sport che ti rende dipendente.

5) Le società come usciranno da questa situazione?

Sicuramente tutte acciaccate ma quelle che hanno programmato ad inizio anno senza aver fatto il passo più lungo della gamba saranno piu forti e credibili nel futuro.

6) All’inizio di questa storia c'erano gli ottimisti, i pessimisti, i negazionisti. Poi un po' tutti ci siamo arresi (chi più chi meno) alla realtà. Ora come la vedi?

In maniera surreale, sembra di essere in un film è una cosa che mai mi sarei aspettato di vivere.

7) Che vita e che calcio ti aspetti quando si tornerà , speriamo presto , alla normalità o pseudo tale?

Mi auguro che si possa uscire migliorati da questa situazione, l'importanza dei rapporti interpersonali è stata evidenziata....tutto il resto sarà una conseguenza. 

8) Questo periodo ti sta facendo pensare all’importanza del calcio nella tua/nostra vita o viceversa alla sua nullità rispetto a problemi più gravi?

I numeri di questa pandemia parlano da soli e la decisione presa di stoppare le attività sportive di gruppo hanno il fine di preservare la salute delle persone, senza la quale non si potrebbe praticare  nessun tipo di sport.

9) Adani dice ai prof tassiamoci del 5% per i dilettanti ... utopia ?

Alla tua domanda 4 chiedi se qualche dilettante vuole continuare per non perdere il rimborso.......tu credi che i professionisti si auto tasserebbero levandosi anche il 5% del proprio stipendio? Utopia assoluta. 

10) Nel calcio dilettanti c è più solidarietà , invidia, riconoscenza , rispetto , poca memoria o egoismo ?

Ho sempre sostenuto che il calcio sia l'unico sport di squadra dove ogni persona gioca per se stesso......e questo la dice lunga......non esiste riconoscenza e il passato non conta per nessuno.....ad oggi contano solamente i risultati......ma come si dice "la speranza è l'ultima a morire".

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore