/ Terza categoria
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Terza categoria | 02 dicembre 2020, 22:18

10 DOMANDE (SCOMODE) AI TEMPI DEL COVID Risponde Tommaso Imperato

Il presidente/portiere del Priaruggia G. Mora: "L’entusiasmo della ripartenza farà da volano per una ripresa sportiva, sociale, economica. Fondamentale, per il calcio dilettanti, che non ci sia una terza ondata: se le società con settore giovanile dovessero restituire nuovamente una parte delle quote sarebbe la fine"

10 DOMANDE (SCOMODE) AI TEMPI DEL COVID Risponde Tommaso Imperato

10 DOMANDE (SCOMODE) AI TEMPI DEL COVID.

1) Giusto allenarsi o non allenarsi chi ha ragione ?

Ognuno è libero di scegliere. Giusto che le scuole calcio diano la possibilità ai bambini di allenarsi, seppur in forma individuale. I bambini hanno bisogno di fare sport. Gli adulti, per ora, possono farne a meno.

2) Sincero: quando pensi si riprenderà a giocare?

Febbraio.

3) Il format andrà cambiato per accorciare la stagione o si deve fare di tutto per arrivare in fondo ?

Sarà cambiato: scelta sensata della Federazione, il nostro campionato non era ancora iniziato. 34 giornate erano troppe, vista la situazione.

4) Pensi che qualche giocatore voglia allenarsi o giocare anche o solo per i rimborsi ?

Pochi. Sicuramente non nella nostra categoria!

5) Le società come usciranno da questa situazione?

Acciaccate. E senza soldi: tanti sponsor spariranno. Ma credo che l’entusiasmo che ci sarà alla ripartenza farà da volano per una ripresa sotto tutti i punti di vista: sportivo, sociale, economico. È fondamentale, per il calcio dilettantistico, che non ci sia una terza ondata: se le società con settore giovanile dovessero restituire nuovamente una parte delle quote sarebbe la fine.

6) All’inizio di questa storia c'erano gli ottimisti, i pessimisti, i negazionisti. Poi un po' tutti ci siamo arresi (chi più chi meno) alla realtà. Ora come la vedi?

Ho piena fiducia nel vaccino. Ma servono pazienza e festeggiamenti di Natale molto “sobri”.

7) Che vita e che calcio ti aspetti quando si tornerà , speriamo presto , alla normalità o pseudo tale?

Quando si scenderà in campo sarà come se non fosse cambiato nulla.

8) Questo periodo ti sta facendo pensare all’importanza del calcio nella tua/nostra vita o viceversa alla sua nullità rispetto a problemi più gravi?

Il calcio è parte della nostra vita. Si può vivere senza, ma non si vive appieno.

9) Adani dice ai prof tassiamoci del 5% per i dilettanti ... utopia ?

È un discorso che poteva valere 30 anni fa, quando quasi tutti i calciatori professionisti erano italiani e crescevano nei settori giovanili di provincia. Oggi più della metà dei giocatori viene dall’estero e da realtà lontane anni luce dalla nostra. Serve una riforma che parta dall’alto, non dai calciatori. Perché Shomurodov o Damsgaard dovrebbero togliersi dei soldi per darli al Priaruggia G.Mora? Idea lodevole, ma non regge.

10) Nel calcio dilettanti c è più solidarietà , invidia, riconoscenza , rispetto , poca memoria o egoismo ?

Oggi ti dico solidarietà per un fatto che mi è successo pochi giorni fa. Mentre ero a lavorare, qualcuno è entrato nella macchina e ha rubato oggetti personali e materiale sportivo del Priaruggia. I miei compagni hanno spontaneamente organizzato una colletta per risarcire interamente la società del danno. Un gesto che mi ha scaldato il cuore. Siamo una grande famiglia e sono orgoglioso di condividere lo spogliatoio con amici e persone per bene.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore