/ Serie D
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Serie D | 02 marzo 2021, 12:48

ALESSANDRO LUPO "Il quinto posto fa piacere ma non mi esalto. L'importante è stare lontani dalle zone calde"

Il mister dell'Imperia: "Sui fatti di Varese non voglio più tornare, mi spiace solo che sia passata in secondo piano la grande impresa dei miei ragazzi"

ALESSANDRO LUPO "Il quinto posto fa piacere ma non mi esalto. L'importante è stare lontani dalle zone calde"

Alessandro Lupo, come si sta al quinto posto, prima delle liguri?

"Guarda, stiamo vivendo di partita in partita, non ho nessuna particolare sensazione, abbiamo vinto una partita difficilissima con il Derthona, i miei ragazzi sono stati molto intelligenti, abbiamo dovuto un po' prendere le misure nel primo tempo, ma nella ripresa ero convinto che se avessimo accelerato saremmo riusciti a vincerla, ed è stato così. E' stato il secondo tempo più bello della stagione".

Ok, ma che effetto fa classifica?

"La guardo la classifica, ma non mi esalto per questa posizione, sono solo contento perchè sono lontano dalle posizioni calde. Se questa squadra continua giocare come se fosse sempre l'ultima spiaggia farà sempre meglio. Ci siamo prefissati nello spogliatoio di dare sempre il massimo, se qualcuno sarà più bravo di noi gli stringeremo la mano, ma noi faremo sempre il possibile per vincere, con questa mentalità non ci poniamo obiettivi. Poi, ripeto, fa molto piacere essere oggi lontano dalle zone calde".

Vogliamo tornare sugli episodi di Varese, c'è stato qualche strascico?

"Guarda, l'unica cosa che mi è dispiaciuta è che si è parlato troppo del post partita e poco dell'impresa dei miei ragazzi su un campo difficile contro un avversario in crescita. Per il non voglio tornare su quegli episodi nè commentarli ulteriormente".

Domenica c'è Sestri-Imperia...

"Come dico sempre, è la gara più difficile. Il Sestri sta facendo cose straordinarie, un campionato fantastico, sul loro campo è difficile portare via punti, sarà dura. Noi e loro ci conosciamo molto bene, nei pregi e nei difetti, sarà una partita molto bella, loro sono molto forti, noi ben organizzati, entrambe bella realtà. L'unico rammarico è che l'anno scorso si è giocato in un clima da serie B, quest'anno a porte chiuse non sarà la stessa cosa".

Sarà una partita a scacchi con Ruvo?

"Come sempre dico all'amico Alberto, chi farà meno danni fra noi due avrà la meglio, perchè i protagonisti sono i calciatori. Ruvo si sta dimostrando un allenatore veramente bravo, tanti nostri colleghi si ergono a protagonisti, ma sia io che Alberto abbiamo una chiave di lettura molto simile dello spogliatoio, a livello motivazionale riusciamo a tirare fuori il meglio dai nostri ragazzi".

Un giudizio sul vostro mercato?

"Grazie a Dio insieme società che mi ha dato fiducia sono arrivati due rinforzi eccezionali quali Grandoni e Di Salvatore, c'è stato il definitivo reintegro di Sassari mentre Capra in realtà non ho mai avuto paura di perderlo. Sono arrivati i giocatori che mi mancavano per completare la rosa, due validissime alternative, ragazzi che mi permettono di avere delle varianti. Sentivo dire che ci mancava una punta ma io con Donaggio e compagni sono a posto, quello che mi mancava era altro. Ripeto, ringrazio la società, perchè quando si dà fiducia a un allenatore è giusto che il progetto tecnico ed eventuali nuovi innesti siano condivisi e accettati dal mister".

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore