/ Calcio
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Calcio | 02 aprile 2021, 15:37

SCOPPIA LA PADEL-MANIA fra i calciatori dilettanti e qualche grande ex

Allo Sporting Club Pegli 2 Pedretti, Cavaliere, Maisano e compagni hanno trovato il modo di combattere il lockdown sportivo causato dalla pandemia. Da un'intuizione di Alberto Pescetto questo avvincente sport sta spopolando specialmente nel ponente genovese

SCOPPIA LA PADEL-MANIA fra i calciatori dilettanti e qualche grande ex

La pandemia gli ha dato una bella spinta, ma oramai da qualche anno il padel è diventato uno sport praticatissimo da una vasta gamma di persone, da atleti professionisti, a sportivi dilettanti ai semplici amatori.

Fenomeno virale di per sè, è uno sport che piace tantissimo soprattutto ai calciatori dilettanti o agli ex calciatori. Chi è abituato a fare sport trova oggi nel padel una valvola sfogo importante.

C'è chi partecipa anche a tornei ufficiali, chi fa semplici partite fra amici. Ma non è impossibile praticarlo a livello agonistico, grandi sono i margini di miglioramento per chi inizia a praticarlo da zero. Ma al di là del "risultato" è uno sport che aiuta tantissimo a fare gruppo, è motivo di aggregazione sociale e per alcuni di vera e propria "dipendenza".

Una buona fetta di personaggi molto conosciuti del calcio ligure gioca a padel allo Sporting Club Pegli 2.

Il fenomeno padel, a Pegli 2, nasce da un intuizione di qualche anno fa  di Alberto Pescetto, attuale presidente del Celle Riviera Calcio.

Tra Alberto e lo Sporting Club Pegli 2 è nato un rapporto di partenariato, di forte collaborazione e sinergia che ha portato ad una costante crescita del movimento, letteralmente esploso in questi mesi di pandemia.

Lo Sporting è un circolo sportivo in grande crescita e grazie al lavoro continuo e all'impegno di tutti i membri del suo Cda e del suo presidente Gabriele Lolli Ghetti, ha appena rinnovato il fondo dei suoi campi da tennis, ha costruito due campi di mini tennis per i più piccini e a breve raddoppierà il numero dei suoi campi da padel.

A livello nazionale grandi personaggi come Mancini e Totti hanno iniziato a praticarlo qualche anno fa, a livello locale si è parlato molto delle performances di Cassano, nell'ambito del nostro calcio a Pegli 2 si divertono a giocare a padel moltissimi personaggi conosciuti.

Ne abbiamo sentito alcuni, che ci raccontano la loro "padel-mania".

Giacomo Pedretti (ex bandiera Pontedecimo 1907): “E' una vera e propria padel mania questo sport che pratichiamo qui allo Sporting Club Pegli 2, dal campo di calcio ai campi di padel il passo è breve ed davvero alla portata di tutti. Grazie al padel ho ritrovato ex compagni e avversari con cui sudavamo e ci divertivamo insieme nei campi di calcio della Liguria, e proprio come un tempo ora posso rivivere con loro queste stesse emozioni all’interno di questa “scatola trasparente” dove si sviluppano partite avvincenti con ritmi serrati ed è un valido alleato per restare in forma!”

Roberto Barozzi (ex seria A Cagliari, Cesena): "Ho scoperto il padel il novembre scorso  a 60 anni ... ho detto peccato così tardi.. ma giocando ho capito che è uno sport adatto ai giovani ma anche ai sessantenni, è molto divertente, un tennis corto  giocando in 4 il campo si copre bene anche ad una certa età...  una gran bella scoperta... posso dire di avere ancora una decina d’anni di buono con compagni coetanei...buon divertimento ragazzi...😂"

Paolo Scalzi (ex serie B Genoa, attuale direttore sportivo BRA Calcio): "Il padel lo trovo molto divertente allenante e ideale diciamo anche dai 50 anni in su.... Non è solo picchiare forte ma abbina un po' di tecnica tattica e astuzia😉".

Cristiano Cavaliere (ex Casellese e attuale vice presidente del Derthona): “Quando mi sono reso conto di non riuscire più a giocare allo sport più bello del mondo, il calcio, ho approcciato questo nuovo sport con basi affini al tennis (che ogni tanto praticavo) e ogni volta che gioco mi viene sempre più voglia di rigiocare e vedo che anche i miei compagni / avversari sono come me !!! È veramente appassionante !!!”

Marco Ferraris (ex serie B Genoa, Modena, Carrarese): "Una volta smesso di giocare a calcio era impensabile rimanere completamente fermi e prima il tennis e poi il padel nuovo sport emergente mi hanno sempre più appassionato. Il padel è molto divertente alla portata di tutti, con spazi ristretti , adatto anche ad over....50. A presto sui campi".

Alessandro Giovinazzo (ex Pontedecimo e Polis e attuale preparatore portieri Entella): "Il padel è uno sport che con il ruolo del portiere ha molte affinità! Uno sport che crea dipendenza e riesce a creare uno spirito di aggregazione inaspettato!"

Samuele Abbate (ex Pontedecimo, Acqui): "Mi sono avvicinato a questo sport subito dopo il lock down..... giocavo a tennis (in maniera molto amatoriale). È stata una scoperta piacevolissima......è uno sport divertente con pochi tempi morti ma praticabile anche se non sei troppo in forma 😅😅😅.....ma la cosa più importante (nel mio caso) è che ti permette di rivedere vecchi amici dell'ambito calcistico con cui ci eravamo un po' persi 😜"

Andrea Boggiano: (ex Savona, Lavagnese, Corniglianese, attuale giocatore Busalla Calcio): “Mi sono avvicinato a questo sport cosi per provare e cercare di rimanere in forma, non essendo un amante della palestra. Non potrà mai avvicinarsi al pallone ma purtroppo il tempo passa inesorabile per tutti e bisogna inventarsi un altro sport. Questo é molto divertente e appassionante e piano piano mi è entrato dentro. Ci aiuta a rimanere in forma e  per noi che siamo sportivi e competitivi dalla nascita é importante”.

Massimiliano Calvillo (ex Pontedecimo, Sampierdarenese, Pegliese): “Il padel io l'ho scoperto 10 anni fa ma ho iniziato a giocarlo 3 anni fa in un villaggio in Calabria.. mi ha affascinato perché mette insieme in 200 mq tutto quello che nel calcio si sviluppa in spazi più ampi che alla mia età non sono più gestibili ossia movimenti rapidità tattica e affiatamento di squadra  ma soprattutto divertimento e il sano menaggio😜”

Francesco Maisano (ex Sestrese, attuale giocatore della Genova Calcio): “La bellezza del èadel è la possibilità di divertirsi fin da subito con gli amici senza avere eccelsi mezzi tecnici e conoscenza del gioco!! La gioia di passare 1 ora e mezza di puro divertimento che ben presto si tramuta in passione e fame continua di migliorarsi per poter sfidare giocatori di livello superiore!!”

Umberto Aloi (ex Busalla Calcio): “In questo periodo il modo migliore per tenersi in forma ma soprattutto per continuare a divertirsi con “vecchi amici di campo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore