/ Serie D
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Serie D | 05 maggio 2021, 12:51

TANTI AUGURI A.... Alberto Perasso

L'ex giocatore di Arenzano e Cogoleto, Libraccio, Olimpic e Old Boys Rensen oggi è il collaboratore tecnico di Fabio Fossati al Sassari Latte Dolce. Ecco le 10 risposte per il suo compleanno

TANTI AUGURI A.... Alberto Perasso

1 Tanti auguri, come festeggerai oggi?

Grazie infinite, gli auguri di settimanasport.com sono ormai una piacevole sorpresa! Oggi festeggio per la prima volta il compleanno in terra sarda dove una birra fresca dopo allenamento è d'obbligo, sarà un onore offrire un giro alla squadra, staff e dirigenti.

2 Come stai vivendo questo momento così difficile per tutti noi?

Per mia fortuna sono piacevolmente distratto da questa avventura calcistica, detto ciò prego ogni giorno nella speranza di veder terminato questo periodo di sofferenza, soprattutto per coloro che ne pagano i peggiori risvolti fisici, psicologici, economici e sociali. Invoco il "buon senso" affinchè possa guidare positivamente le scelte di tutti noi.

3 Un passo indietro: nella tua carriera calcistica più ricordi, rimorsi o rimpianti?

Tantissimi ricordi che alimentano l'energia con la quale mi muovo oggi nel calcio, posso dire di aver il rimpianto di non essere stato sempre in grado di esprimere la mia autenticità ma ho imparato ad accettare con orgoglio il percorso di crescita della mia vita a 360°, calcistica compresa.

4 Qual e' la squadra a cui sei rimasto piu affezionato?

A livello emotivo sono state esperienze intensissime quelle maturate nel Libraccio J-Team Rensen nell'anno di Prima Categoria nel quale ci siamo salvati direttamente dopo una remuntada clamorosa, gli anni al Cogoleto dove abbiamo sfiorato la Promozione disputando i Play off e infine l'esperienza più recente nell'Old Boys Rensen, altra rimonta fino alla salvezza diretta con filotti di risultati e prestazioni entusiasmanti. Tutte esperienze accumunate da gruppi di persone splendide con le quali è naturale brillare di luce propria, auguro a chiunque di avere questa fortuna. La squadra alla quale sono più affezionato è però l'Arenzano, mi ha cercato da piccolino e mi ha lasciato crescere, mi sono guadagnato il Genoa e una volta ritornato a casa ho avuto l'onore di esordire in serie D con Mister Fossati, di disputare un campionato Juniores Nazionali da capitano terminato al 2° posto con accesso alle finali nazionali e tante partite in Eccellenza e Promozione negli anni successivi. Dopo la parentesi di Cogoleto e Olimpic ho chiesto di ritornare all'ovile  e sono stato accolto ancora una volta per poi rivestire nell'anno successivo  il ruolo di allenatore in seconda nello staff di Alberto Corradi. Se sono a Sassari in serie D a fare calcio lo devo sicuramente anche all' Arenzano F.C. Grazie. 

5 Tra 10 anni dove ti vedi: ancora “sul campo”, e in che ruolo?

Lo scorso anno risposi "veterano in mezzo al campo", sono ancora dello stesso avviso nonostante aspiri ad allenare a livelli sempre più impegnativi. Il giocatore dentro me non smetterà di voler rincorrere il pallone, che sia in categorie poco impegnative o nella partitella del mercoledì sera tra amici.

6 Qual è la cosa piu bella e importante che hai imparato o che ti ha lasciato il mondo del calcio? E la piu brutta? 

L'aspetto più bello e  importante è aver compreso che il calcio altro non è che uno degli infiniti specchi nel quale è riflessa la vita stessa, la più brutta è lo spirito di prevaricazione del singolo giocatore nei confronti della sua stessa squadra, riflesso negativo di un'esagerata pulsione di affermazione del proprio ego.

7 – Che cosa è il calcio per te?

Il giocattolo preferito di un bambino

8 – Cantante e/o canzone preferita?

La donna cannone , Francesco De Gregori

9 – Piatto preferito?

Maltagliati al Pesto

10- La vacanza dei tuoi sogni: dimmi un posto dove sei già stato o dove ti piacerebbe andare.

Costa Smeralda.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore