/ Seconda categoria
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Seconda categoria | 03 dicembre 2022, 10:32

TANTI AUGURI A... ALESSANDRO PRIANO "Voglio raggiungere i 300 gol"

Il nuovo bomber del RECREATIVO oggi compie gli anni e risponde alle nuove dieci domande.

Priano nel 2010 con la maglia dell'Anpi

Priano nel 2010 con la maglia dell'Anpi

1-Ciao, calcisticamente che compleanno è e come festeggerai?

1) E' un compleanno particolare , ero ormai sicuro che non sarei più tornato sui campi, per lavoro e salute avevo deciso di smettere, ma il Recreativo mi ha stimolato a sparare le ultime cartucce. 

2-Un commento alla stagione della tua squadra dilettantistica

2) Il Recreativo e una squadra giovane è nata un po’ per gioco, con gli sforzi di un grande come mister Zamboni, il mitico Vito che milita con squadre più blasonate ma che non ci fa mai mancare i suoi consigli ed energia essendo io primo tifoso e tutti i giocatori che da due anni con sforzi immani portano avanti questo progetto, stiamo cercando di salvarci , non sarà facile ma sono sicuro che potremo dire la nostra!!

3-Genoano, sampdoriano o? Cosa pensi della stagione della squadra per cui tifi?

3) Samp ma preferisco parlare di un calcio sano e genuino come quello dilettantistico…. 

4-Com’è il tuo rapporto con gli arbitri?

4) Beh diciamo che avendo fatto per tanti anni il capitano ho imparato mooolto tempo fa che una parola è poca e due sono troppe , diciamo che in linea di massima sopporto le decisioni e motivo i miei compagni al silenzio tanto non serve a nulla protestare, siamo noi giocatori a fare la differenza. 

5-Chi vince il Mondiale?

5) il Mondiale lo vincerà la Francia nonostante mille assenze rimane la più forte insieme al Brasile

6-Dimmi tre qualità che deve avere secondo te un buon allenatore

6) credo che è un buon allenatore debba prima di tutto avere una buona capacità dialettica e di empatia nei confronti del gruppo soprattutto in categorie dilettantistiche dove non hai assistenti aiutanti e 1000 dirigenti ma soprattutto poche ore di allenamento per dei giocatori che fondamentalmente sono già formati quindi nel calcio dilettantistico bisogna prima di tutto forse creare un gruppo solido e forte unito e coeso per raggiungere l’obiettivo cercando poi di imbastire il proprio pensiero calcistico..

7-Nel calcio conta più la testa, il cuore, le gambe, la tecnica, la tattica o la grinta e perché?

7) beh nel calcio contano tutte le cose che hai appena elencato: il cuore le gambe la tecnica la tattica e la grinta fanno parte di una serie di qualità che come ti dicevo con un gruppo forte e unito sono importantissime per raggiungere determinati obiettivi 

8-Prima di smettere vorresti che…

8) per qualche mese credevo di aver smesso adesso che sono tornato in pista il mio obiettivo è raggiungere 300 goal non è una situazione impossibile me ne mancano 11 e spero tanto di raggiungere questo obiettivo con il Recreativo e dare una mano a questa squadra a salvarsi

9-Tatticamente… meglio prima non prenderle o fare un gol più dell’avversario?

9) tatticamente credo sia più importante fare un goal in più dell’avversario per raggiungere l’obiettivo della vittoria, sicuramente essere compatti dalla fase di non possesso per poi aprirsi e ripartire è una cosa importante ma dipende sempre che squadra incontri e ovviamente in base ai giocatori che hai che modulo è più opportuno la squadra

10-Il calcio come valvola di sfogo: quello che hai imparato giocando/allenando/dirigendo nel calcio ti ha insegnato qualcosa per la vita? O viceversa nel calcio hai adottato una tua particolare filosofia di vita?

10) sai io ho sempre pensato che il calcio fosse stata la mia salvezza negli anni della gioventù e lo continuo a pensare è uno sport sano purtroppo un po’ complicato magari perché siamo in Italia ma comunque lo sport che ti fa pensare positivo, ho fatto il giocatore ho fatto anche il dirigente ho fatto anche in parte l’allenatore ma credo di essere ancora un giocatore la mia filosofia di vita è quella che bisogna lottare per raggiungere un obiettivo e questo me l’ha insegnato il calcio quindi credo che il sudore ripaga prima o poi, il fatto di avere una squadra intorno e guardare negli occhi i propri compagni deve essere fonte di motivazione per raggiungere gli obiettivi più alti, la stessa cosa nella vita!!

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore