Calcio giovanile | mercoledì 19 febbraio 2020 14:17
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Calcio giovanile | 10 gennaio 2020, 10:21

Roberto Malatesta e i 2011 del Molassana

A tu per tu col tecnico dei rossoazzurri

Roberto Malatesta e i 2011 del Molassana

Siamo andati a conoscere meglio Roberto Malatesta, allenatore della leva 2011 del Molassana

Mister un tuo commento sulla leva?

<<La leva 2011 del Molassana è meravigliosa, non potrei usare un altro aggettivo. Sono al secondo anno con loro e posso dire che siamo come una famiglia. Inoltre, a livello calcistico, i miei ragazzi sono di ottimo livello e, cosa più importante avendo 8/9 anni, si divertono a giocare come matti>>.

Cosa ti ha spinto a diventare allenatore della scuola calcio?

<< Dopo aver smesso di giocare, quando Gianni Ceda, il presidente del Torriglia, mi ha chiesto di seguire i primi calci ho accettato di buon grado e da subito mi sono divertito moltissimo, perché le soddisfazioni che danno i bambini sono enormi. Dopo circa un anno e mezzo è arrivata la chiamata del Molassana dove Franini e Pareto mi hanno dato fiducia e ho avuto la fortuna di trovare un grande maestro come Paolo Tuttino. Tutto ciò ha fatto crescere ulteriormente la mia passione per questo ruolo. Ovviamente desidero ringraziare le persone che ho citato>>.

Cosa ti piace del tuo ruolo di mister?

<<Praticamente tutto. A livello calcistico, trovo fantastico quando i miei bimbi riescono a riproporre sul campo quello che proviamo ad insegnare negli allenamenti ed è altrettanto bellissimo notare i miglioramenti costanti di ognuno di loro. Ma la cosa più bella è quando li vedi divertirsi, esultare tutti insieme dopo un goal, avere rispetto per l'avversario e uscire dal campo sempre con il sorriso; questo è quello che mi piace trasmettere. Se posso aggiungere una postilla, non mi piace il fatto che troppi mister giochino solo ed esclusivamente per il risultato, dimenticandosi che il nostro compito è un altro>>.

Come nasce in te la passione per il calcio? 

<< Fin da bambino ho avuto una grande passione per il calcio, per il Genoa, la mia squadra del cuore. Il mio primo ricordo calcistico è un derby di serie b vinto 1-0 con goal di Francioso su punizione e il grande mister Scoglio in panchina. Era il 2001: da lì ho voluto iniziare a giocare a calcio ed ho continuato a tifare il Genoa fino ad oggi e, nonostante tutte le vicissitudini, posso dire con certezza che questa passione difficilmente andrà via>>.

LB

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore