/ Nuoto
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Nuoto | 11 agosto 2020, 21:38

NUOTO Campionati Italiani su base Regionale alla Sciorba

Nella foto Emanuele Giuffrida

Nella foto Emanuele Giuffrida

Quanto successo quest’anno si ricorderà a lungo… ormai in tempo di Covid-19 non siamo più impressionati da niente, nemmeno dal fatto che si è rischiato di non poter fare neanche le gare regionali liguri valide per la classifica del campionato nazionale di nuoto.

Si è svolto tutto nel primo week end di agosto, visto che la giornata conclusiva era stata dapprima sospesa e poi reinserita all’ultimo momento.

Tra le migliori prestazioni maschili segnaliamo Alberto Razzetti (Genova Nuoto) nei 100 stile libero in 51″62, Mattia Alessandro (Andrea Doria) nei 50-100-200 dorso rispettivamente in 26″63, 57″31, 2’05″31, Mauro Vagge (Lavagna) nei 100 farfalla in 55″48 e il bel secondo posto (dietro Razzetti) sui 100 stile libero in 52”18, Filippo Rinaldi (Genova Nuoto) nei 1500 stile libero in 16’17″64, Emanuele Giuffrida sui 200 farfalla in 2’09”32 (secondo posto dietro Rinaldi) che è valso a un meritevole secondo posto nazionale nella classifica generale dei nati nel 2004.

Tra le migliori prestazioni femminili segnaliamo Erica Musso (Fiamme Oro) nei 200 stile libero in 2’05″46, Claudia Tarzia (Genova Nuoto) nei 50-100 farfalla rispettivamente in 27″92 e 1’00”01, Virginia Consiglio (Andrea Doria) nei 50 farfalla in 28″17 (secondo posto dietro la Tarzia), Gaia Alcaras nei 100 farfalla in 1’01″53 (secondo posto dietro la Tarzia), Camilla Simicich nei 100 dorso in 1’05″86, Myrtaj Andja nei 200 misti in 2’29”52.

L’abituale rivalità tra Genova Nuoto e Andrea Doria a contendersi i risultati di maggior prestigio non è stata da meno, vista l’ampia rosa di atleti con attitudini e capacità diverse che hanno entrambe le Società. Nel contesto generale si considerano di buon auspicio le prestazioni effettuate visto che, durante l’isolamento forzato primaverile, non vi è stata la possibilità di allenarsi da parte degli atleti.

Si spera che il prossimo anno possa iniziare “normalmente” con allenamenti e campionati regolari senza troppe limitazioni per non condizionare un’altra stagione che riserva appuntamenti importanti dal punto di vista internazionale.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore