/ Tennis
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Tennis | 12 aprile 2021, 12:57

Il futuro sorride al tennis italiano

Dopo anni di buio pesto, in cui il nostro movimento tennistico non è riuscito a cullare dei tennisti che potessero essere competitivi a livello mondiale, la musica è finalmente cambiata e oggi l’Italia si gode una quantità incredibile di talenti che l’hanno riportata ai vertici del tennis mondiale.

Il futuro sorride al tennis italiano

Gli italiani in TOP 100 sono 10 e non sono mai stati così tanti

Agli inizi degli anni 2000, ovvero soli 20 anni fa, i tennisti italiani in TOP 100 della classifica ATP erano solo due e bazzicavano dalla 50a posizione in giù. Se all’epoca qualcuno ci avesse detto che dopo due decenni gli italiani in TOP 100 sarebbero stati 10, probabilmente lo avremmo preso per pazzo e invece siamo qui a commentare un clamoroso exploit del nostro movimento tennistico. Ciò che conforta maggiormente i tifosi non è solo la quantità di talenti che ora il nostro Paese ha a disposizione ma la qualità degli stessi, che sembrano destinati a dominare il tennis mondiale per i prossimi 15 anni. Berrettini, Musetti, Sonego e Sinner vantano un’età media di poco superiore ai 20 anni e tutti e quattro hanno già dimostrato di poter ambire senza particolari problemi almeno alla TOP 20. Anzi, c’è chi come Matteo Berrettini da due anni a questa parte è stabilmente a ridosso della TOP 10 ed è ormai uno dei tennisti più forti su ogni superficie: anche secondo le scommesse sportive online è uno dei favoriti per la vittoria del prossimo Roland Garros che andrà in scena a cavallo tra maggio e giugno, nonostante la terra battuta non sia la superficie che preferisce.

 

Sinner, Musetti, Sonego: presente e futuro del tennis azzurro

Matteo Berrettini, primo dei nostri azzurri nella classifica ATP, è reduce da una semifinale degli US Open conquistata nel 2019 e dalla partecipazione alle ATP FINALS di Londra, torneo in cui si sfidano i migliori otto giocatori dell’anno solare. Alle spalle di Matteo, però, c’è Jannik Sinner che dopo un 2020 da sogno, ha iniziato il 2021 ancora meglio. L’altoatesino, a soli 19 anni, è già uno degli atleti più completi e potenti del circus ed è arrivato a un passo dalla prima vittoria in un torneo ATP 1000. In quel di Miami, all’esito di un torneo straordinario, Sinner si è piegato in finale sotto i colpi del polacco Hurkacz, più bravo a sfruttare i momenti decisivi. Ci sono poi Musetti e Sonego, quest'ultimo da poco incoronato agli Open di Sardegna: ognuno con le proprie caratteristiche fisiche e tecniche, i due giovanissimi hanno compiuto un netto salto di qualità e stanno risalendo velocemente la classifica ATP.

 

Con Federer, Nadal e Djokovic che non potranno più essere presenti come in passato, nel tennis maschile c’è un vuoto da riempire e la sensazione è che i nostri azzurri abbiano tutti i mezzi a propria disposizione per colmarlo. L’Italia sta tornando grande dopo anni che definire difficili è riduttivo. La strada intrapresa è finalmente quella giusta e da amanti di questo splendido sport non ci resta altro che metterci comodi e goderci le imprese dei nostri azzurri.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore