/ Calcio
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Calcio | 22 giugno 2021, 15:34

FEDERICO MORETTI appende le scarpe al chiodo e si butta sul mercato degli allenatori

L'ex centrocampista di Busalla e Campomorone, dopo aver calcato i campi di Coppa Uefa, Serie A, B e C sogna un futuro da mister: "Sono pronto a mettere in pratica quello che ho imparato da Pioli, Mihajlovic, Novellino e tanti altri"

Federico Moretti in azione con Jorginho

Federico Moretti in azione con Jorginho

Federico Moretti ha preso la decisione definitiva. Il centrocampista figlio d'arte classe 1988, dopo una lunga carriera fra i professionisti e le due ultime stagioni a singhiozzo nei dilettanti con Busalla e Campomorone ha scelto di appendere le scarpe al chiodo e diventare allenatore.

"Gli ultimi due anni di pandemia hanno purtroppo aiutato a rendere tutto meno divertente. A me le cose piacciono fatte in un certo modo, sul campo devo metterci voglia e passione e ultimamente ho capito che non ce n'era più tanta, il covid è stato determinante nella mia scelta, la stessa ripresa dell'Eccellenza con così poche squadre non ha fatto che farmi diminuire l'entusiasmo".

"Praticamente -spiega Federico- ho chiuso con il calcio quando ho finito con il professionismo, nella mia breve avventura coi dilettanti non ho finito una stagione nè a Busalla nè a Campomorone. Questo per me doveva essere un passatempo oltre al lavoro vero ma poi alla fine sono venuti a mancare i presupposti".

"In ogni caso -continua- sono soddisfatto della mia carriera nel professionismo, in quei 13 anni è stato tutto bello, mi sono tolte tantissime soddisfazioni, giocando su campi particolari e stadi bellissimi che sognavo da bambino, sono orgoglioso di quello che ho fatto".

La carriera di Federico recita: Sampdoria, Parma (con esordio in coppa uefa e serie A, Varese, (dove ha vinto il campionato), poi Catania, Ascoli, Grosseto, Modena, Spezia, Padova, Latina, Vicenza, Avellino, Albissola, Honved, Busalla e Campomorone.

Adesso è arrivato il momento di allenare: "E' sempre stato un mio pallino, un po' per il ruolo e per le caratteristiche tutti mi hanno predetto un futuro da mister e così ho iniziato a farci un pensierino, cercando di imparare da tutti gli allenatori che ho avuto, da Pioli a Mihajlovic, da Novellino a Montella, a ciascuno di loro ho provato a rubacchiare qualcosa. Senza dimenticare mio padre Mirco che è allenatore dilettanti e con cui da tutta la vita ci confrontiamo".

"Adesso -prosegue- mi piacerebbe allenatre una prima squadra dilettantistica, senza presunzione penso di partire da una buona base visto il mio background, penso di poter affrontare subito una Promozione o una Eccellenza. Ho visto nei ragazzi con cui ho giocato in questi anni tanta voglia e non vedo l'ora di poter dare loro il mio contributo. Sto già parlando con qualche società, mi piacerebbe iniziare sin da subito. Che allenatore sarò? Vorrei essere attento ai piccoli dettagli che fanno di un giocatore prima di tutto un uomo. Vorrei essere leale rispettoso come volevo fossero con me i miei allenatori, e poi mi auguro di dimostrare presto di essere tagliato per la parte tecnica e calcistica oltre che per quella umana. Ora come ora vorrei restare in Liguria, dove ho famiglia e lavoro, poi se sarò bravo per il futuro non mi precludo niente".

Insomma, appesi gli scarpini al fatidico chiodo, Federico Moretti è da oggi ufficialmente sul mercato dei mister. In bocca al lupo per questa nuova avventura!

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore