domenica 22 luglio 2018 14:29
Visualizza la versione standard ›

Prima categoria | mercoledì 27 dicembre 2017, 12:31

Superba: il bilancio del ds Durante

"Siamo un gruppo giovane, stiamo diventando una squadra vera"

Con Carlo Durante, ds della Superba, facciamo un bilancio di questo girone d'andata per la squadra nata dalla fusione fra Lagaccio e Granarolo:

"Sapevamo che sarebbe stato un anno pieno di insidie, la società è nuova, la squadra è rinnovatissima, molto giovane. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di fare un campionato senza guardare troppo indietro e far crescere i nostri giovani. Fino a questo punto siamo soddisfatti, 21 punti vanno bene ma forse potevano essere un po' di più..." 

"Il nostro campionato è stato strano. Nelle prime 4 partite abbiamo fatto 10 punti ma con Torriglia e Sori non meritavamo di vincere. Poi nelle successive 8 partite solo 5 punti, ci è girato tutto male, abbiamo giocato discretamente bene ma gli avversari alla prima occasione ci hanno punito. Nell'ultimo periodo invece due vittorie importantissime contro Olimpic e Cogornese, dove forse abbiamo capito che siamo finalmente squadra e gruppo".

"Ora ci attende una difficilissima trasferta a San Desiderio, dove capiremo se siamo veramente maturati e abbiamo capito la lezione. Il gruppo è giovane, abbiamo vinto le ultime partite con in campo titolari 6 fuoriquota. Il gruppo è cementato bene, da adesso in poi abbiamo la possibilità di divertirci, guardando solo avanti e non indietro, ma ci vuole un passo alla volta".

Un passo indietro, un ricordo del bel periodo alla Sampierdarenese.

"Alla Sampierdarenese sono stati 4 anni belli e intensi, ogni volta che incontro qualcuno di quei giocatori che ho avuto ricevo un abbraccio sincero e spontaneo, ho ancora mio figlio che gioca a Belvedere, e quando salgo al Morgavi tutti mi vengono incontro e mi salutano con affetto, dalla barista al custode fino al presidente. Fa piacere avere lasciato un bel ricordo".

PDP

Indietro

Ti potrebbero interessare anche:
Visualizza la versione standard ›