Eccellenza | giovedì 19 settembre 2019 06:07
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Eccellenza | 15 luglio 2019, 23:44

MARCO PIROVANO "Non sono ancora il più vecchio, ne ho 3 davanti, e spero di mettermene 3 dietro..."

Il tecnico del Campomorone pronto alla nuova sfida in Eccellenza, dove mancava da qualche anno...

MARCO PIROVANO "Non sono ancora il più vecchio, ne ho 3 davanti, e spero di mettermene 3 dietro..."

Beppe Maisano, classe 54, Gianni Baldi, classe 56, Alberto Mariani, classe 57, Marco Pirovano, classe 59.

L'intervista con il mister del Campomorone, inizia con questa curiosità: non è il più vecchio, ne ha tre davanti, e lui risponde “a fine campionato spero di averne tre dietro”.

Chiacchierare con Marco Pirovano è sempre un piacere.

Allora mister, pronto alla nuova sfida in Eccellenza?

“Si. Una bella sfida. Dopo un po' di anni si ritorna. Non ci siamo riusciti sul campo, come forse avremmo meritato in qualche occasione, ma la società questa estate ha avuto questa opportunità e secondo me ha fatto bene a sfruttarla. Per tutti noi è un grosso stimolo, dovremo dimostrare di poterci stare. In partenza Imperia, Sestri Levante, Albenga e Baiardo sembrano favorite, più tutte quelle che da anni fanno la categoria, insomma sarà un'impresa ardua uscirne vivi”.

“La mia squadra -osserva- è profondamente rinnovata, molto giovane, vogliamo mettere le basi con giocatori giovani su cui poter contare in futuro”.

Come trovi l'Eccellenza di oggi rispetto agli anni in cui l'hai fatta tu?

“L'avevo fatta con Bolzanetese, Campomorone, Baiardo: rispetto a quegli anni c'è un po' meno tecnica ma molto più agonismo. Ritrovo tutti allenatori molto preparati, di alto livello. Sono contento del ritorno di Beppe Maisano, avversario di tante partite, per cui nutro stima e rispetto reciproco”.

Contento del mercato?

“Abbiamo fatto una scommessa, con tanti giovani, dovremo trovare l'amalgama il prima possibile. Avevamo puntato tanto su Mura, poi è andata diversamente e abbiamo scelto giocatori forse meno conosciuti ma che ci porteranno entusiasmo. Siamo giovani, dovremo tenere ritmi alti. Indubbiamente il dietrofront di Mura ci ha lasciato un po' spiazzati, ma andiamo avanti. Obiettivo salvezza, e se dovremo perdere qualche partita, voglio che lo facciamo col sorriso. Ci sta andare a Imperia e prendere 4 gol, ma non dovremo abbatterci. Mai”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore