Eccellenza | domenica 08 dicembre 2019 09:10
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Eccellenza | 14 novembre 2019, 00:59

BUON COMPLEANNO E 10 DOMANDE A... Domenico Bertorino!

Il responsabile del settore giovanile del Sestri Levante oggi compie gli anni e festeggia... rispondendo alle nostre 10 domande

BUON COMPLEANNO E 10 DOMANDE A... Domenico Bertorino!

Ciao DOMENICO, 10 domande per il tuo compleanno per www.settimanasport.com


1 Tanti auguri, come festeggerai oggi?

Grazie per gli auguri, ho preso ferie, faro' una bella pedalata sul Bracco al mattino se il tempo lo consente e al pomeriggio andro' al Sivori dai miei allenatori e dai miei ragazzi dell'Unione.

2 Che regalo chiederesti alla tua squadra?

la mia squadra' e' quella degli allenatori del settore giovanile dell'Unione Sportiva Sestri Levante e a loro chiedo sempre di rendere migliore la vita sportiva dei nostri ragazzi insegnando calcio con educazione serenita' e competenza.

3 Dammi un giudizio sul campionato della tua squadra finora

sono molto soddisfatto dei miei allenatori e di tutti i collaboratori del settore giovanile, hanno competenza, passione e trasmettono bene il nostro metodo ai ragazzi e alle famiglie.

4 Un passo indietro: nella tua carriera più ricordi, rimorsi o rimpianti?

nessun rimorso, nessun rimpianto, da calciatore sono arrivato alla Serie D. Da allenatore quest'anno festeggio  i 25 anni di attivita' e i ricordi delle 5 promozioni me li tengo stretti stretti, due a Cicagna fino alla Promozione, uno al Villaggio S.S. in Prima Categoria e 2 alla Caperanese fino all'Eccellenza. Ho ricordi importanti per tutte le 10 squadre che ho allenato (Segesta, Saline, Moneglia, Cicagna, Carasco, Villaggio, Caperanese, Riva, Borgorapallo e Rapallo) e per tutti i giocatori che ho avuto a disposizione.

5 Fra 10 anni dove ti vedi: sempre sul campo, e in che ruolo?

fra dieci anni spero di continuare ad avere un ruolo importante in qualche squadra. Certo che c'e' un tempo per essere calciatore, uno per essere allenatore e uno per dirigere con l'esperienza accumulata qualche altro settore.

6 Cosa non rifaresti nel tuo percorso calcistico se potessi ritornare indietro

non ho mai accettato condizionamenti esterni percio' rifarei tutto quello che ho fatto. Se sono arrivato ad allenare in Eccellenza sara' quello che ho meritato sul campo, poi c'e' chi puo' considerarlo poco, chi molto, a me sta bene perché ci sono arrivato guidando squadre a vincere  campionati in tutte le categorie , ed e' un mio orgoglio, non mi ha regalato niente nessuno.

7 Aggiungi o togli una regola al calcio: cosa sceglieresti?

toglierei la regola sui giovani e ne metterei una sui vecchi. Farei una regola dove in serie D possano giocare in 3 sopra i 32 anni, e scendendo di categoria ne aumenterei il numero fino alla terza. Cosi facendo le societa' investirebbero sui settori giovanili , i giovani non abbandonerebbero il calcio a 23 anni delusi e troverebbero piu' spazio. Con un po' di pazienza tempo 5/10 anni aumenterebbe la qualita' e la passione con e per i giovani del vivaio.

8 Diventi presidente di una squadra dilettantistica: a chi la faresti allenare e che colori sceglieresti

la farei allenare a Francesco Baldini e a Luciano Mularoni,  che erano al Sestri Levante nell'anno della vittoria ai playoff di Serie D, professionisti e persone favolose. Aggiungerei come preparatore Matteo Spatafora che ha iniziato il mestiere con me a Caperana e sta girando il mondo come preparatore vincendo ovunque, l'anno scorso al Paok Salonicco campionato e coppa.  La maglia sarebbe granata perché tifo Toro.

9 Un calciatore di serie A per amicizia viene a giocare nella tua squadra: chi vorresti che fosse?

salto la serie A e se posso ne scelgo uno in serie C.  Alessandro Gazzi, che e' stato per anni al Toro, nessuna cresta, nessun tatuaggio, scarpe nere e il numero 14. Un esempio di carattere, professionalita',  serieta' e passione. In campo corsa, cuore e battaglia, una sicurezza.

10 Genoano, sampdoriano o.... un giudizio sul momento della tua squadra del cuore

Torinista, momento difficile, squadra che fatica a ritrovarsi, squadra spremuta dai preliminari di Europa League, psicologicamente e fisicamente alternante nelle prestazioni, ma ci sono qualita' risaliremo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore