lunedì 06 aprile 2020 00:07
Visualizza la versione standard ›

Eccellenza | 19 febbraio 2020, 10:49

Riccardo Somaglia e il Molassana

<< Caravella uguale Molassana per la città di Genova e non solo>>

Riccardo Somaglia e il Molassana

Quattro chiacchiere con Riccardo Somaglia, responsabile della scuola calcio del Molassana. Occhio rivolto al suo primo bilancio di questa stagione e al Caravella, un torneo tra i più prestigiosi della nostra città e regione.

Riccarco un tuo bilancio su questi primi mesi di Responsabile della Scuola Calcio?

<< Il bilancio è sicuramente positivo per un ruolo che non conoscevo e in cui ho trovato qualche difficoltà.  Grazie alla fiducia della società, per il lavoro dei dirigenti e degli istruttori di Leva che mi hanno agevolato in questi primi mesi di responsabilità. Ciò che mi affascina di più di questo ruolo e che al centro del nostro operato rimane comunque sempre solo un obiettivo la crescita dei ragazzi leva per leva senza l'assillo del risultato che se positivo sicuramente fa piacere. Un ruolo importante ma altrettanto difficile. Ho fissato degli obiettivi a breve e medio termine alcuni raggiunti e alcuni in cui serve più esperienza. Ho iniziato a conoscere tutti responsabili delle altre società, con i quali mi rapporto quotidianamente per ogni problema inerente partite, tornei tutto per i nostri ragazzi. Spero di avere la fiducia della società e di colmare con un po' più di esperienza tutte le lacune iniziali>>.

 

Si sta avvicinando il Caravella. Come si sta muovendo la società?

<<Torneo Caravella uguale Molassana Boero Questo rappresenta per la città di Genova Il più importante torneo di calcio giovanile.  Organizzato da ben 34 edizioni già quest'anno vede l'iscrizione di circa 170 squadre con tante società rappresentate sia dal punto di vista dilettantistico che dal punto di vista professionistico anche da fuori Genova. Ne cito alcune come Cremonese Monza Livorno squadre toscane, siciliane,  oltre le genovesi Genoa Sampdoria  l’ Entella e il Savona e chiedo scusa se me ne sono dimenticato qualcuna>>. 

 

Quanto lavoro c'è dietro un torneo prestigioso come il vostro?

<< La società già da prima di Natale lavora per questo importante evento. Tutti in prima linea in prima persona tutte le figure rappresentative della società a iniziare dal presidente passando per i responsabili del settore giovanile, Daniele e Fabrizio  il responsabile della scuola calcio il direttore sportivo e dico tutti i dirigenti di Leva, tutti i volontari che settimanalmente si incontrano per analizzare lo stato dell'arte attraverso un paio di riunione in settimana per fare il punto della situazione sia dal punto di vista organizzativo logistico amministrativo che ci vede impegnati. Costante anche l’ informazione online su sito e sui social. Stiamo completando i gironi e i calendari. Ci saranno anche eventi nell’ evento prima fra tutti un importante partita che vedrà impegnati ragazzi disabili e una rappresentazione di danza. Stiamo organizzando con un enorme impegno da parte di tutta la Società. Come ho detto all’ inizio vale l’ equazione Caravella uguale Molassana per la città di Genova e non solo>>. 

Caravella non solo un appuntamento sportivo ma vista la mole di gente coinvolta come un importante valore sociale e di confronto?

<<Vista l'importanza del torneo e delle persone coinvolte dagli atleti agli istruttori dirigenti mamme papà nonni rappresenterà per la settimana di Pasqua esattamente dal 6 al 13 aprile un importante momento di confronto e di aggregazione sociale che vede impegnato tutto il quartiere di Molassana quartiere dove crescono la maggior parte dei nostri ragazzi. A iniziare dalle istituzioni per finire proprio con loro e per la nostra società rappresenta un momento importante. Cercheremo con tutti gli sforzi di migliorare sempre dal punto di vista organizzativo e dal punto di vista logistico per far sì che tutti possano comunque continuare per il trentaquattresimo anno consecutivo a svolgere questo importante momento di sport all’ insegna del divertimento. In pratica  una sana competizione che comunque diciamocela tutta avrà dei vincitori. Potranno dire di aver vinto A mio modesto parere il più importante torneo giovanile Ligure . L’ organigramma della Società, giovane, sta lavorando sodo e con l’impegno di tutti il Trofeo Caravella rimarrà nel tempo un torneo con un'importanza nazionale e anche internazionale, in pratica ciò che si merita il Molassana Boero 1918. Permettimi di ringraziarvi per l’ ascolto >>.

 

LB

Indietro

Ti potrebbero interessare anche:

Visualizza la versione standard ›