LA DIRETTA CON CIPANI, SANTORO E ZOLI

Terza categoria | venerdì 05 giugno 2020 12:29
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Terza categoria | 03 marzo 2020, 15:54

CORONAVIRUS & PALLONE Riflessioni in libertà / Roberto Carosio del Ceis: "Dipendesse da me, non giocherei più"

"Sia a livello dilettanti sia a livello professionistico. Il calcio è contatto al 100%, o si gioca in condizioni ottimali o tutti a casa"

CORONAVIRUS & PALLONE Riflessioni in libertà / Roberto Carosio del Ceis: "Dipendesse da me, non giocherei più"

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO I VOSTRI COMMENTI SULL'ARGOMENTO #CORONAVIRUS & PALLONE"

Belle parole Paolo.

Personalmente penso la stessa cosa, e dipendesse da me, non giocherei più, sia a livello nostro di dilettanti sia a livello professionistico.

Per ciò che riguarda noi le norme di attenzione vanno in direzione esattamente opposta a ciò che è il calcio. Questo è al 100% contatto, tra colleghi, tra avversari, con l'arbitro, tra mister e giocatori. Se sabato vado in panchina dovendo calcolare chi abbraccio o a chi parlo, e alla fine dire ai ragazzi attenti alle docce, beh, la mia passione è finita.

A livello di tifoso ancora peggio. Tifo Genoa: ma onestamente ,per me, vada come vada, il campionato è concluso, almeno ora. Se domani si torna alla normalità bene, dove eravamo rimasti, altrimenti il problema non sarà la retrocessione o la salvezza ma qualcosa di più serio. 

ROBERTO CAROSIO, CEIS GENOVA SPORT

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore