/ Nuoto
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Nuoto | 24 febbraio 2022, 00:11

15° TROFEO NAZIONALE DI NUOTO G.S. ARAGNO

Piscina Aquacenter I Delfini Prà 25-26-27 febbraio 2022

15° TROFEO NAZIONALE DI NUOTO G.S. ARAGNO

2022: IL TROFEO DELLA RINASCITA

Ieri pomeriggio a Palazzo Tursi, sede del Comune di Genova, la presentazione del 15° Trofeo G.S. Aragno che, dopo un annullamento e due rinvii, c’è.

Non sarà l’edizione dei record ma quella della volontà, dell’impegno, della determinazione: della Rinascita.

La formula è rivista: il venerdì è giornata dei 50, sabato e domenica programma gare completo, batterie e premiazioni in sequenza. Nonostante tutto vengono salvate le emozioni, con le consegne delle targhe in memoria di Alessio Stefanelli, alla miglior prestazione nei 200 dorso assoluti maschi, e di Mattia Medici, alla miglior prestazione nei 200 stile assoluti maschi.

Dietro le quinte si lavora, da mesi, per trovare un briciolo di normalità. Ma inevitabilmente i tempi saranno dilatati, per essere sempre più attenti alle norme di prevenzione, con distanziamento, non solo fisico.

Saranno invece vicinissimi, anche se in maniera virtuale, tre grandi campioni olimpici, amici del Trofeo Aragno: Matteo Restivo, Filippo Megli, Lorenzo Zazzeri che sabato mattina si collegheranno in video chiamata direttamente sul ledwall montato in vasca.

C’è una timida primavera di bellezza, in uno scenario ancora difficile.


Marco Ghiglione direttore della Piscina di Prà e del Trofeo:-“Se guardo indietro vedo un’ultima edizione straordinaria, quando siamo tornati a casa, dopo un anno di esilio per i lavori in vasca. Era gennaio 2020, da lì a poco, non lo sapevamo, ma sarebbe cambiato tutto. E’ arrivata la pandemia e con essa la tempesta perfetta. Oggi ad una situazione economica disastrosa si sono aggiunti costi energetici insopportabili. Ma siamo qui e consideriamo questo Trofeo come quello della Rinascita. Abbiamo annullato il 2021 e per due volte cambiato le date, ora ci siamo, felici anche per aver programmato il 3 aprile, il 10° Meeting esordienti. Un ringraziamento particolare alle strutture ricettive della città che hanno sopportato i cambi di data; a Luca Goggi, Dirigente dell’Istituto Comprensivo Prà; alla Parrocchia S.M. Assunta, al Cinema e alla Palestra di Palmaro, ci siamo sentiti supportati, una bella sinergia con il territorio.

E in questi mesi pesanti non siamo stati fermi, la nostra attenzione si è rivolta all’Associazione Maruzza che con “momenti di sollievo” si rivolge ai piccoli pazienti e alle loro famiglie che la domenica hanno cominciato a venire in piscina.

Ma per tornare alla situazione attuale, ci aspettiamo un’attenzione seria e concreta da parte di tutti per aiutare sport e sociale, ad oggi registriamo solo l’impegno da parte del Comune di Genova e di Regione Liguria, per il resto il nulla”.


“Grazie al Gruppo Sportivo Aragno” – ha esordito Vittorio Ottonello consigliere delegato allo sport del Comune di Genova – “per il coraggio e la forza che stanno dimostrando per continuare il prezioso percorso sociale, agonistico e sportivo intrapreso”.

“Siamo felici e onorati di ospitare centinaia di atleti provenienti da tutta Italia che parteciperanno al Trofeo Nazionale di Nuoto Aragno” – ha dichiarato Stefano Anzalone consigliere regionale e con delega allo Sport del Comune di Genova assente per un problema personale – “nonostante gli anni difficili che stanno vivendo le nostre società sportive. Dovuti alle continue chiusure causate dalla pandemia e da pochi mesi, dagli aumenti sproporzionati delle utenze, che mettono in grave pericolo e a dura prova i gestori dei nostri impianti natatori.

Gli amici del Gruppo Sportivo Aragno organizzatori della manifestazione, hanno avuto la caparbietà e la forza per confermare la gara Nazionale. Per tali motivi desidero ringraziarli per la loro passione, capacità e serietà nel realizzare un appuntamento atteso e amato da tutta la città”.


“Mi piace moltissimo la definizione di questa edizione del Trofeo come quello della rinascita perché incarna lo spirito dello sport e la volontà indomita di chi, con la sola passione, affronta un periodo complesso per il caro energetico come stanno facendo oggi i gestori degli impianti natatori – commenta l’assessore allo sport di Regione Liguria Simona Ferro – sin dall’inizio del mio mandato mi sono spesa a favore della rinascita dello sport e sembra che non appena la fiammella della speranza si accende arriva un temporale a spegnerla, ma non si può spegnere la forza dello sport. Un anno fa sembrava che lo sport fosse completamente a terra, ma subito dopo abbiamo visto il suo trionfo con un interminabile serie di successi che testimoniano come lo sport possa rinascere. Sempre”. 


Antonio Micillo presidente Coni Liguria:-“ Mi compiaccio con gli organizzatori perchè dimostrano una grande forza di lottare per ripartire. Non è solo la pandemia ad aver messo in ginocchio lo sport ma soprattutto l'aumento esponenziale del costo dell'energia. Questa è gente forte e tosta che dà un segnale, e noi vogliamo essere al loro fianco e mettere le società nella condizione di poter tornare a vivere e organizzare manifestazioni”.


Stefano Lanata vice presidente Comitato Regionale Liguria Federnuoto:-“Il Comitato regionale è felice perché si tornano a vivere le manifestazioni, così importanti per i nostri atleti. Il Trofeo Aragno è da sempre una garanzia. In questa edizione con 500 atleti e circa duemila presenze gara spiccano numerosi campioni italiani di categoria e per la Liguria sarà la forte Claudia Tarzia a spingere il nostro movimento. Insomma saranno delle belle giornate di sport ad alto livello”.


Stefano Pitale presidente G.S.Aragno:-“In questi due anni il mio ruolo è stato di confrontarmi con le famiglie e il mio problema è stato quello di non riuscire a dare delle risposte. Ma questo Trofeo ha davvero il profumo della èinascita. La speranza concreta e da adesso in poi di poter tornare a praticare sport in modo dignitoso”.


Claudio Chiarotti presidente Municipio Ponente:-“Se non ci fossero persone come Pitale e Ghiglione rischiavamo di non essere qui a parlare di quindicesima edizione del Trofeo, quindi grazie a loro ed a tutta la squadra che non ha mai mollato. Questa è Prà”.


Luca Goggi Dirigente Scolastico IcPrà:-“Per noi la sinergia sul territorio è alla base della crescita sociale e culturale. Aragno aveva bisogno di spazio per far consumare i pasti agli atleti e noi abbiamo messo a disposizione i locali della mensa scolastica e siamo orgogliosi di questa collaborazione. Lo sport è l’arma più importante per aiutare i nostri ragazzi a combattere isolamento e disagio sociale”.

 

C’è come sempre il cuore del Gruppo Sportivo Aragno che ogni anno si inventa qualcosa per fare del bene, come la vendita solidale della tshirt celebrativa del Trofeo, il sostegno all’Associazione Maruzza e l’affetto concreto a favore dell’Associazione Per il Sorriso di Ilaria di Montebruno.



I Delfini di Prà è casa, in festa, e allora ci saranno le consuete coreografie e la performance della squadra di sincro della Nuotatori Genovesi. I flashmob, la musica, le luci.


Ancora tecnologia con le dirette streaming ed i risultati in tempo reale

https://livestream.com/livezerocold/15trofeoaragno


Ma anche la tradizione con il pesto della ditta Sacco e quello di Bruzzone e Ferrari che saranno presenti per una degustazione con “Il Pesto di Prà”.


L’ultima parola spetta agli atleti rappresentati da Irene Ravaschio e Cloe Vezzoso nuotatrici della Aragno Rivarolesi. Per entrambe il Trofeo è un’opportunità per migliorare i tempi e provare a staccare un pass per le Finali regionali. E poi dicono all’unisono:-“E’ bello tornare a gareggiare nella nostra piscina. Semplicemente, normalità e divertimento”.

 



Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore