/ Calcio giovanile
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Calcio giovanile | 01 luglio 2020, 14:37

ANDREA BARBIERI saluta il Ligorna e torna al Molassana

Ecco l'intervista integrale pubblicata lunedi scorso sulle pagine de Il Secolo XIX

ANDREA BARBIERI saluta il Ligorna e torna al Molassana

Dopo 32 anni di onorata carriera nei settori giovanili con Baiardo, Molassana e Ligorna, Andrea Barbieri ritorna al passato e sceglie di nuovo il Molassana.

«Si è ripreso il rapporto interrotto con Franini -racconta Barbieri- con lui è bastata una telefonata. A Molassana avevo finito la carriera da giocatore proprio con Franini allenatore, all’ultima giornata a Bogliasco retrocedemmo per colpa di Di Somma dalla promozione alla prima. Torno a Molassana per la terza volta, la prima durò 7 anni, la seconda volta solo 3».

Come mai l’addio al Ligorna?

«Dopo un po’ le situazioni cambiano. Ringrazierò per sempre Torrice per avermi inserito nel Consiglio di una società di Serie D, per avermi dato l’opportunità di conoscere società prestigiose, ma c’era una situazione poco chiara in vista della sua eventuale cessione. Non ho nessun motivo di risentimento, spero che continuino a far bene, e saluto sin d’ora i vari Armando Cervone, Gian Luca Marrale, Marco Spatari, Francesco Pagni, Tullio Mancinelli e Patrizia, Raimondo De Maria, Matteo Gallotti, Matteo Carrossino, l’avvocato Cecon, il custode Marcos, Massimo Bongiorni che mi ha seguito a Molassana».

«Al Ligorna -ricorda Barbieri- ho passato 6 anni in serie D, abbiamo portato tante squadre giovanili stabilmente alle fasi finali regionali. Ho ricordi piacevolissimi, ricordo per nome tutti i ragazzini che ho avuto. E’ stata una scelta difficile, lascio ragazzi, genitori, famiglie, dirigenti a cui sarò sempre affezionato».

«A Molassana - conclude- proverò a rifare lo stesso percorso, partendo da una situazione ottima a livello orgnizzativo e da una struttura che si presta a sviluppare idee. Ringrazio Franini, Fileni e Crovato e da oggi cercherò di capire le dinamiche societarie conoscendo prima possibile istruttori, tecnici e genitori».

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore