/ Calcio
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Cerca nel web

Calcio | 05 aprile 2021, 00:01

TANTI AUGURI A... MASSIMO GARAVENTA

L'ex giocatore di Borgo Incrociati, Vernazza, Celle, Veloce e San Gottardo oggi compie gli anni e risponde alle 10 domande

TANTI AUGURI A... MASSIMO GARAVENTA

Ciao, 10 domande per il giorno del tuo compleanno per www.settimanasport.com

1 – Tanti auguri, come festeggi oggi ?

1. In famiglia con i miei affetti più cari la mia compagna e il mio fantastico figlio Matteo.  

2 – Emergenza Coronavirus: come la stai vivendo sia personalmente che calcisticamente?

2. Personalmente è dura psicologicamente vedere la paura della gente e le limitazioni imposte, per uno spirito libero come me ma rispetto le regole, le altrui opinioni e le sofferenze della gente. Calcisticamente subisco passivamente e soffro per il mio amato mondo del calcio dilettantistico che al momento vive un futuro incerto. Seguo il Genoa insieme a mio figlio una passione che ci unisce ancora si più. 

3 – La stagione 20/21 per voi va in archivio: ti aspettavi andasse a finire così e cosa farai senza calcio?

3. Seguo il Borgo Incrociati dei miei cari amici Marchese e Bennati anche se manco da qualche anno a seguirlo in maniera attiva.  

4 – Il ricordo più bello che hai della tua carriera calcistica: un gol, una partita, un episodio?

4. Ricordi moltissimi, goal tanti per essere un difensore quello che mi ricordo con più piacere allo Stadio Ciccione di Imperia con il Celle, anche se non fu il più bello. 

5 – La persona con cui ti sei trovato meglio sia in campo che fuori?

5. Con i fratelli Bruzzone e Paolo Fortuna. Con Paolo Fortuna e Davide Bruzzone (grande centrocampista ex Savona) ho fatto qualche anno in più alla Veloce quindi direi loro. Ma dovrei citarne tantissimi altri anche della parte genovese. Allenatori ne cito tre Gino Ghigliazza, Giuseppe Uguccioni e Vito Tesoro. Ma il ringraziamento più grande per avermi dato la passione da piccolo e la spinta ad iniziare oltre che a mio padre Cesare e ad Adriano Odino lo devo ad Ercole Bazzurro (padre di Enzo che è stato anche un grande mio compagno di squadra) persone determinanti per me che ora non ci sono più. 

6 – Cosa cambieresti nel calcio dilettantistico per renderlo migliore?

6. Viverlo con più passione e meno superficialità. Penso che anche questo periodo di lockdown possa servire a non dare più per scontato la gioia di scendere in campo e di ritrovarsi ad allenamento.  

7 – Che cosa è il calcio per te?

7. Ho giocato fino a 39 anni e ho allenato 2 anni direi che è superfluo dire che importanza abbia nella mia vita.  

8 – Cantante e/o canzone preferita?

8. Frank Sinatra, My way. Mi ci riconosco. 

9 – Piatto preferito?

9. Focaccia al formaggio rigorosamente di Recco.

10- La vacanza dei tuoi sogni: dimmi un posto dove sei già stato o dove ti piacerebbe andare.

10. Ho viaggiato tantissimo per lavoro in paesi anche sperduti ma direi Usa anche se ci sono stato moltissime volte ma ogni volta che torno per me è come se fosse la prima volta. Tornerei anche in Polinesia in quei paradisi naturali.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore