/ Pallanuoto
Lavoro in Italia

Cerca sul sito

Vai all'archivio ›

Pallanuoto | 14 maggio 2022, 21:45

PALLANUOTO/ A2M: DE AKKER PIEGATA, LA TESTA E’ DEL BOGLIASCO

PALLANUOTO/ A2M: DE AKKER PIEGATA, LA TESTA E’ DEL BOGLIASCO

Un Bogliasco monumentale supera 11-10 il De Akker nello scontro diretto che, a tre turni dalla fine della regular season, metteva in palio il primato del girone Nord di Serie A2.

Dopo aver perso di misura in terra emiliana cinque settimane fa i biancazzurri si rifanno con interessi alla Vassallo, vincendo con analogo scarto ma segnando più gol. Una discriminante fondamentale in caso di arrivo a pari punti poiché permetterebbe ai liguri di sopravanzare i bolognesi, accedendo ai playoff promozione da prima classificata. Prima però bisognerà battere Torino a domicilio e Lavagna in casa.

Tornando alla gara di oggi, a deciderla a 27″ dalla sirena lunga è stata un’incredibile deviazione con il volto di Ermanno Percoco, decisivo nell’incocciare il tiro dalla distanza di capitan Guidaldi spiazzando il portiere avversario. Un gol fortunoso che tuttavia non intacca minimamente i meriti dei ragazzi di Daniele Magalotti, sempre padroni di un incontro che non li ha mai visti sotto nel punteggio.

LA CRONACA – I primi protagonisti della sfida sono stati i due portieri, Edo Prian da una parte e Francesco Ghiara dall’altra, principali artefici dello 0-0 che ha contraddistinto i primi sette minuti di gioco. Per rompere il ghiaccio è servita una magia di Gimmi Guidaldi, magistrale nel superare il portiere avversario disegnando una colomba perfetta dalla distanza. La rottura dell’incantesimo ha funzionato da apripista anche per gli ospiti che nell’azione successiva trovavano la prima rete con un missile di Guerrato. Bogliasco però tornava subito avanti con Puccio, in superiorità, e all’inizio del secondo quarto allungava a più tre grazie a due rigori ravvicinati, realizzati dai fratelli Alessandro e Francesco Brambilla. Un tentativo di fuga appena abbozzato che veniva subito stroncato dal Bologna, abile a rifarsi sotto con la saetta dell’ex di turno Manzi e col graffio sotto porta dell’australiano Oberman, al quale seguiva il botta e risposta tra Bonomo e l’altro grande ex Deserti. Prima del cambio vasca era però ancora Francesco Brambilla a garantire il più due bogliaschino di metà gara.

LA SECONDA META’ – Bogliasco ripartiva a spron battuto nel terzo tempo, tanto da portarsi sul massimo vantaggio a dieci minuti dalla fine, nonostante altre due reti avversarie. A garantire il più quattro ci pensavano le reti di Percoco, Guidaldi, Gavazzi e Tabbiani. Malgrado l’ampio vantaggio la sfida era però tutt’altro che chiusa. Con un break clamoroso, a cavallo della terza sirena, la De Akker metteva a segno un poker di reti che riequilibrava l’incontro. A rimettere tutto in discussione era il gol di Cocchi, arrivato a 1’03” dalla conclusione. Subita la rimonta dopo aver assaggiato il gusto di una larga vittoria, Bogliasco sembrava non averne più, sia a livello fisico che soprattutto mentale. A prendere in mano le redini del gioco ci pensava però Gimmi Guidaldi, non a caso l’uomo di maggior esperienza dei biancazzurri. Con la complicità di Percoco la sassata del capitano terminava la propria corsa in fondo al sacco, lasciando ai felsinei meno di mezzo minuto per riacciuffare un pareggio che sarebbe stato comunque oro per loro. Ma sul ribaltamento di fronte la difesa bogliaschina serrava i propri ranghi, vanificando l’ultimo assalto dei rivali, accolto dal tremendo boato di giubilo e liberazione della Vassallo.

IL COMMENTO – Queste le parole a caldo espresse dal tecnico Daniele Magalotti: “Vittoria meritata, perché i miei ragazzi hanno dimostrato di essere migliori della De Akker. O almeno ad oggi la classifica dice questo. Abbiamo fatto un secondo e un terzo tempo praticamente perfetti, risultando bravi in difesa e fantasiosi in attacco. Nel primo e nell’ultimo, invece, abbiamo davvero rischiato di buttare via la partita per via di alcuni protagonismi stupidi che rischiamo di pagare a caro prezzo. Dobbiamo continuare a lavorare su questi aspetti e capire che quando giochiamo di squadra andiamo sul più 4 anche contro il De Akker, che è tutto dire, mentre quando giochiamo da singoli rischiamo di buttare tutto all’aria. Complimenti comunque ai miei ragazzi per questa bella affermazione, anche se non è finita qui. Per terminare la regular season dovremo affrontare la quarta e la quinta in classifica (Torino e Lavagna, ndr) di conseguenza già questo dice quanto saranno duri gli impegni che ci attendono. Ma abbiamo ancora tanto da dare e spero che faremo tesoro delle indicazioni giunte dalla partita di oggi, senza concedersi distrazioni”.

TABELLINO:

BOGLIASCO 1951-DE AKKER TEAM 11-10

BOGLIASCO 1951: E. Prian, E. Percoco 2, A. Brambilla Di Civesio 1, F. Gavazzi 1, A. Bottaro, G. Guidaldi 2, T. Tabbiani 1, F. Brambilla Di Civesio 2, G. Boero, A. Bonomo 1, D. Puccio 1, A. Canepa, A. Di Donna. All. Magalotti

DE AKKER TEAM: F. Ghiara, A. Di Taranto, G. Leonardi, A. Baldinelli, M. Oberman 1, G. Boggiano 3, S. Guerrato 1, E. Manzi 1, L. Bagnari, L. Pozzi, E. Cocchi 2, A. Deserti 2, M. Gentile. All. Mistrangelo

Arbitri: Calabro’ e D’antoni

Note. Parziali: 2-1 4-3 4-4 1-2 Usciti per limite di falli Leonardi (DA) nel terzo tempo, Guerrato (DA) e Pozzi (DA) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Bogliasco 1951 3/14 + 2 rigori e De Akker Team 6/12.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore